Cerca

Gallipoli, voci e veleni smentita l’ipotesi Blasi

Pino Iodice, direttore generale della società jonica (serie B di calcio): «Non c’è alcuna trattativa in corso per allargare la base economica della società o peggio ancora per cederla». Rumors però danno per certi i primi contatti l'ex presidente del Taranto e la proprietà. Di sicura c’è la voglia di Blasi di rientrare nel calcio, meglio se in B. La squadra di Giannini in campo nel posticipo di lunedì a Grosseto (ore 19)
Gallipoli, voci e veleni smentita l’ipotesi Blasi
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Nel caos-Gallipoli, c’è chi tenta di rimettere ordine. Il responsabile dell’area tecnica Michele Scaringella ed il consulente esterno di mercato Vincenzo D’Ippolito (agente Fifa) condurranno il mercato di riparazione. Lo ha confermato ieri pomeriggio Pino Iodice, direttore generale della società jonica, impegnato al Bianco nel pagamento della mensilità di ottobre (acconto del 30% ai giocatori e stipendio intero a magazzinieri, massaggiatori e staff medico, tutto tramite bonifico).

«Non c’è alcuna trattativa in corso per allargare la base economica della società o peggio ancora per cederla», ha dichiarato il dirigente. Rumors però danno per certi i primi contatti tra Luigi Blasi, ex presidente del Taranto, e la proprietà. Di sicura c’è la voglia di Blasi di rientrare nel calcio, meglio in una società di B (sogno sfiorato ma mai realizzato alla guida dei rossoblù). I buoni uffici che potrebbe fornire il suo ex direttore generale Pino Iodice (che smentisce qualsiasi trattativa), che ieri si è incontrato con Danilo Pagni (ex direttore sportivo di Gallipoli e Taranto), possono essere una pista da seguire. Ci sono molti collegamenti (Blasi-Pagni-Iodice: una triade che stava cercando di portare Giannini in riva al Mar Piccolo) ma, per il momento, poca sostanza: l'ipotesi è solo in una fase embrionale; mentre pare attualmente poco praticabile la strada di un ritorno in sella di Vincenzo Barba con impegno diretto del parlamentare e con all'interno della società Luca Pagliuso nel ruolo di direttore generale. «L’impegno di Giovanni D'Odorico garantirà certamente la gestione ordinaria fino alla fine della stagione», garantisce Iodice. Oggi intanto verrà ufficializzato l’ingaggio di Ferdinando Ruffini (una vita al Pescara) nel ruolo di team manager: una figura che è molto mancata alla squadra da quando Scaringella è stato promosso a responsabile dell’area tecnica e uomo-mercato. Basti considerare che da allora non si è visto un dirigente in sede di allenamento.

MERCATO - Flavio Lazzari è uno dei principali obiettivi di mercato del Gallipoli. Il centrocampista offensivo in forza al Padova (10 spezzoni di gara accumulati fin qui) è di proprietà dell’Udinese: l’ingaggio del giovane romano classe ‘86 è legato al premio di valorizzazione di Jan Koprivec. L’arrivo della mezzala potrebbe aprire la strada alla cessione di David Mounard. Pare invece in stand-by lo scambio Franchini-Magliocchetti con la Triestina: il difensore giallorosso trova difficoltà ad accordarsi con i giuliani sul piano economico. Vanno avanti invece i contatti con Ancona, per arrivare al difensore Camillucci tramite la cessione di Moro, e Vicenza, per ottenere lo scambio Minieri-Daino. Riccardo Zampagna non si muove, per il momento, dal Sassuolo: ieri il calciatore ha gentilmente declinato l’offerta del Gallipoli (gli emiliani erano pronti a garantire il 70% dello stipendio). Si intensificano di conseguenza i contatti con la Salernitana per ottenere Ferraro. Circola con insistenza l’accostamento al Gallipoli di Fofana, attaccante dell'Arezzo, ma Scaringella si è limitato a chiedere le condizioni fisiche di un calciatore da tempo bloccato: «Non rientra nei nostri piani», glissa il dirigente gallipolino. E si parla anche di un interessamento a Davis Curiale, attaccante del Cittadella.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400