Cerca

Trapattoni accetta il risultato: «Pareggio giusto»

Il ct: «Lo 0-0 è la sintesi delle occasioni avute da entrambe le squadre. Sia noi che la Danimarca potevamo sbloccare il risultato, senza riuscirci. Nella ripresa tutta la squadra si è calata nella parte. Siamo finalmente entrati nell'europeo. L'esordio è sempre difficile»
GUIMARAES - Il commissario tecnico della nazionale italiana, Giovanni Trapattoni, considera giusto il pareggio con il quale gli azzurri hanno esordito ai campionati europei. «Finalmente ci siamo calati nella realtà di questo torneo - ha detto Trapattoni subito dopo il fischio finale dell'incontro con la Danimarca - nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà a capire come andava interpretata la partita. Eravamo troppo lunghi. Soprattutto a centrocampo non siamo riusciti a rompere il loro gioco e ripartire. Invece di aiutare il compagno, rimanevamo fermi sulle gambe. Ho detto ai ragazzi di stare più vicini e nel secondo tempo è andata meglio. Il risultato? E' sostanzialmente giusto. Il pareggio è la sintesi delle occasioni avute da entrambe le squadre. Sia noi che la Danimarca abbiamo avuto la possibilità di sbloccare il risultato, senza riuscirci».
Le modifiche apportate in corsa dal ct, con gli inserimenti di Gattuso, Cassano e Fiore, hanno consentito di dare più vivacità alla manovra dell'Italia. «Nel secondo tempo abbiamo giocato meglio. Ho consigliato a Totti di arretrare di dieci metri il raggio d'azione e così ha avuto più possibilità di giocare il pallone. Su di lui avevano costruito una gabbia che non consentiva a Totti di accompagnare il nostro gioco. Nella ripresa tutta la squadra si è calata nella parte. Siamo finalmente entrati nell'europeo. Le partite inaugurali hanno questa caratteristica. L'esordio è sempre difficile».
Un pareggio che non toglie e non aggiunge nulla a questa nazionale che dovrà lottare fino in fondo per garantirsi l'accesso ai quarti di finale. «La qualificazione dobbiamo giocarcela nelle prossime partite. Speriamo che anche Bulgaria e Svezia pareggino, così siamo tutti alla pari».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400