Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 17:24

Elia ricarica la Prisma «I playoff sono possibili»

Il primo punto del nuovo anno e della gestione di Serniotti è arrivato domenica al termine di una gara non bellissima dal punto di vista tecnico ma sicuramente molto entusiasmante, chiusa per 3-2 in favore della Marmi Lanza Verona. Al Taranto resta il rammarico di non essere riuscito a conquistare il successo pieno che avrebbe fatto seguito alla vittoria della settimana prima ottenuta a Forlì in A1 maschile di pallavolo
Elia ricarica la Prisma «I playoff sono possibili»
di ANGELO LORETO

TARANTO - Il primo punto del nuovo anno e della gestione di Roberto Serniotti è arrivato domenica al termine di una gara non bellissima dal punto di vista tecnico ma sicuramente molto entusiasmante, chiusa per 3-2 in favore della Marmi Lanza Verona. Alla Prisma Taranto resta il rammarico di non essere riuscita a conquistare il successo pieno che avrebbe fatto seguito alla vittoria della settimana prima ottenuta a Forlì.

Ad illustrare l'andamento del match, che i veneti hanno chiuso imponendosi per 19-17 nel quinto e ultimo set, è Alberto Elia. «La partita è stata molto combattuta - spiega il centrale 24enne - anche se da parte nostra si è spenta la luce nel terzo set, quando siamo subito partiti male; il fatto di inseguire ci ha fatti innervosire, e questo non deve succedere. A noi va però il merito di aver reagito nel quarto e nel quinto set anche se nel corso del tie-break abbiamo commesso alcune leggerezze che in un punto a punto del genere non possiamo permetterci di fare. Resta perciò il dispiacere per questa occasione buttata all'aria che invece potevamo fare nostra».

Ma che soprattutto avrebbe permesso ai giocatori rossoblù di portarsi a -1 dalla zona playoff, dall'ottavo posto occupato proprio da Verona (approfittando del turno di riposo di Perugia) che invece ora vanta 5 punti di vantaggio sulla Prisma.

«L'obiettivo dei playoff resta - assicura Elia -, ma tocca solamente a noi lavorare per arrivarci. Certo vincere ci avrebbe permesso di arrivare a -1 e invece ci ritroviamo a -5. Una vittoria insomma avrebbe rappresentato un grosso segnale positivo. Resta però ciò da cui dobbiamo ripartire, vale a dire la reazione avuta nel quarto set». Dal punto di vista personale del giocatore di Tarquinia resta una prova che ha portato 4 punti (due muri vincenti) col 50% in attacco e una condizione fisica non ancora al meglio, minata dai numerosi infortuni stagionali. «Mi manca ancora il massimo della condizione - ammette infatti l’ex giocatore della Roma -, soprattutto per l'attacco e per la battuta, mentre sento che a muro va abbastanza bene. In questo fondamentale posso dare il mio aiuto alla squadra, ma serve altro, serve dare un grosso aiuto per la difesa e quindi il contrattacco».

Infine una parola sulla reazione della squadra all'arrivo di Roberto Serniotti, che il club rossoblu ha chiamato per sostituire l'esonerato Paolo Montagnani dopo la breve parentesi di una settimana del vice allenatore Vincenzo Nacci.

«A primo impatto ci siamo trovati tutti bene con il nuovo allenatore, anche se una sola settimana di lavoro è poco per mettere in moto tutti i meccanismi. Però - conclude Elia - con Verona si è già visto qualcosa di importante. Insomma le premesse per un buon rapporto che porti risultati ci sono tutte». Il giocatore la pensa alla stessa maniera del suo mister, che da oggi riprenderà gli allenamenti partendo dalle cose positive fatte vedere domenica da Taranto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione