Cerca

Avviso agli arbitri: tolleranza zero per il gioco duro

Istruzioni per Euro 2004: cartellino rosso contro le entrate troppo violente, non solo quelle da dietro. Ammonizione per chi ostacola il gioco in modo anti sportivo (come le trattenute per la maglia), non rispetta la distanza regolamentare nei calci da fermo, simula ed eccede nell'esultare dopo un gol
PORTO - Tolleranza zero contro le entrate troppo violente e non solo quelle da dietro: per gli autori di questi falli dovrà scattare immediatamente il cartellino rosso. L'Uefa ha fornito precise istruzioni agli arbitri di Euro 2004, nell'intento di stroncare il gioco falloso.
Per giudicare sulla gravità dell'azione, i direttori di gara dovranno valutare l'intenzionalità del gesto, la velocità alla quale il tackle è stato portato, la possibilità per l'autore di raggiungere la palla ed il rischio di causare un danno all'avversario.
Le raccomandazioni, elencate in un documento consegnato agli arbitri, sollecitano poi l'ammonizione per tutti i gesti tesi ad ostacolare il gioco in maniera anti sportiva (come le trattenute volontarie per la maglia), soprattutto se messi in atto per impedire una chiara azione d'attacco, ma anche nei casi in cui non viene rispettata la distanza regolamentare nei calci da fermo.
Altri falli sanzionabili con il cartellino giallo sui quali l'Uefa ha richiamato gli arbitri alla massima severità sono la simulazione e l'eccesso di esultanza dopo un gol, con tanto di spogliarello in campo. Più tolleranza ci sarà invece verso i giocatori che per festeggiare si limiteranno a coprirsi il viso con la maglia.
Un avvertimento anche agli allenatori, ai quali l'Uefa ha ricordato che è vietato fumare in panchina e nell'area circostante delimitata, pena il rischio di incorrere in sanzioni disciplinari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400