Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 15:33

Cassano da Mancini al City? Marotta: «Solo chiacchiere»

L’amministratore delegato della Samp commenta così i «rumors» inglesi che vedrebbero il fantasista barese nella lista degli acquisti del neoallenatore del Manchester City. «Ho letto anch’io quello che hanno scritto i giornali inglesi ma posso assicurare che non siamo stati contattati nè abbiamo avuto notizie in merito. Sappiamo che Mancini stravede per lui, ma per il resto non ci sono state offerte ufficiali»
Cassano da Mancini al City? Marotta: «Solo chiacchiere»
GENOVA - «Cassano al City? Non so nulla». L’amministratore delegato della Sampdoria Beppe Marotta commenta così i «rumors» inglesi che vedrebbero il fantasista barese nella lista degli acquisti di Roberto Mancini, neoallenatore del Manchester City.

«Ho letto anch’io quello che hanno scritto i giornali inglesi - ha detto Marotta - ma posso assicurare che non siamo stati contattati nè abbiamo avuto notizie in merito. Sappiamo che Mancini stravede per lui, ma per il resto non ci sono state offerte ufficiali di nessun tipo».

Intanto va in pensione il 2009, un anno tutto sommato positivo: «Se guardiamo l’anno nella sua interezza il bilancio è estremamente positivo - ammette Marotta - i dati negativi riguardano solo i gol subiti e certe sconfitte, soprattutto il modo in cui sono arrivate. Se poi andiamo ad analizzarle a fondo notiamo che abbiamo perso, oltre che nel derby, contro formazioni di Champions, come la Juventus, la Fiorentina e il Milan ad esempio. Un dato importante. Naturalmente siamo realisti e come sta andando ora lo vediamo benissimo, però non si può parlare di bilancio negativo per un periodo no nel finale».

E dopo la sosta natalizia via al mercato: «Non abbiamo nessuna priorità - conclude l’amministratore delegato della Sampdoria - se ci saranno degli acquisti saranno a costo zero. Adesso dobbiamo risollevare questa squadra, soprattutto per il morale e a livello mentale. Poi se capiterà qualche occasione, magari un difensore, non ce la faremo sfuggire, ma senza fare follie, anzi».

I numeri difficilmente mentono e così a conti fatti il 2009 in casa blucerchiata non è proprio da buttare via, anzi. Le ultime gare hanno sicuramente inficiato un cammino comunque positivo di un anno che ha visto il suo apice nella finale di Coppa Italia persa solo ai rigori e che in estate ha vissuto in casa Sampdoria una mini rivoluzione con il cambio di allenatore e l’arrivo di nuovi giocatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione