Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 00:24

Capirossi illeso dopo un incidente aereo

Mercoledì sera all'aereoporto di Nizza il motore di sinistra di un bimotore dell'Iberia è esploso con un botto fragoroso. Il pilota ha fatto appena in tempo ad arrestare l'aereo prima che finisse in mare. Loris: «Altri 30 trenta secondi e non c'ero più»
MONTMELO' (Spagna) - Duecentoquattro GP disputati, ventitré vittorie in carriera e tre titoli di campione del mondo al suo attivo: una vita vissuta pericolosamente quella di Loris Capirossi che, però, ha corso il rischio più brutto della sua vita in un incidente aereo occorsogli mercoledì sera all'aereoporto di Nizza. Lo ha riferito lo stesso pilota imolese al suo arrivo al circuito del Montmelò, sede del G.P. di Catalogna. «Ieri è stata una giornata veramente critica per me e mia moglie Ingrid - ha racontato Capirossi - che abbiamo vissuto un momento davvero brutto. Prima ci hanno cancellato il volo Nizza-Barcellona delle 15,30, poi abbiamo sfiorato una tragedia. Alle 20,30 eravamo pronti per decollare sul volo Iberia da Nizza a Barcellona e tutto sembrava tranquillo. L'aereo (un bimotore turbo elica della compagnia di bandiera spagnola, n.d.r.) era sulla pista di rullaggio e il comandante ha spinto i motori a manetta. Poco dopo è successa una cosa incredibile: il motore di sinistra - ha proseguito, visibilmente scosso, Capirossi - è esploso con un botto fragoroso, schizzando olio e kerosene da tutte le parti. L'abitacolo stesso s'è riempito di fumo... sono stati momenti terribili. Eravamo a poca distanza dal mare - ha sottolineato Loris - e il pilota ha fatto appena in tempo ad arrestare l'aereo prima che finisse in mare. Subito è scattata l'emergenza, abbiamo evacuato l'aereo e sono intervenuti i pompieri». Un momento che Capirossi difficilmente dimenticherà. «Ho avuto paura, sì tanta paura. Altri 30 trenta secondi - è la sintesi del dramma sfiorato - e non c'ero più...».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione