Cerca

Taranto, ecco Cortese accordo già raggiunto

Brucato apre ufficialmente il mercato, annunciando l’ingaggio dell’attaccante. Il cartellino è di proprietà del Chievo. Il ragazzo è stato in Puglia ieri l’altro, discutendo del suo ingaggio e del suo inserimento nella squadra rispettivamente con il presidente D’Addario e con il tecnico. Intanto batte alle porte con insistenza la gara di Prima Divisione di calcio a Marcianise in programma domenica, ultima del 2009
• Foggia, il momento delle scelte
• L’Andria cerca il successo esterno
• Potenza deve stringere i denti
• II Divisione: Siracusa-Noicattaro 2-0
Taranto, ecco Cortese accordo già raggiunto
di Giuseppe Dimito

TARANTO - Brucato apre ufficialmente il mercato del Taranto, annunciando l’ingaggio, già formalizzato, dell’attaccante Roberto Cortese, 25 anni, in forza al Nissa (serie D), 13 gol finora segnati nelle 15 partite disputate. Il cartellino è di proprietà del Chievo che lo ha da poco acquistato dal club siciliano. Il ragazzo è stato a Taranto ieri l’altro, discutendo del suo ingaggio e del suo inserimento nella squadra rispettivamente con il presidente D’Addario e con mister Brucato.

Intanto batte alle porte con una certa insistenza la gara di Marcianise in programma domani, ultima del 2009. Corona ha la febbre ed è rimasto a riposo. I gradi del termometro non sono altissimi, ma la questione preoccupa l’intero entourage rossoblù. L’odierna rifinitura sarà decisiva. Se l’attaccante starà bene, andrà in campo. Caso contrario giocherà Berretti. Calori, invece, ha recuperato. Ieri si è allenato. Stesso discorso per Nocentini. Innocenti è avviato alla completa guarigione. Lavorerà per tutta la settimana di riposo (dal 21 al 27 prossimo). Riprenderà il 28 venturo. La formazione anti-Marcianise dovrebbe essere questa: Bremec; Calori, Viviani, Prosperi, Bolzan; Felci, Giorgino, Quadri, Scarpa; Corona, Russo. Sulla gara di domani, Brucato dice con convinzione: «A Marcianise andremo con un unico obiettivo: la vittoria. Per centrarla dovremo affrontare l’impegno con determinazione, concentrazione e spirito di sacrificio. Dovremo giocare come abbiamo fatto lunedì contro il Cosenza, nella ripresa. Non che nel primo tempo siamo stati scialbi, tutt’altro. Abbiamo giocato con normalità. Nella ripresa abbiamo messo in campo maggior orgoglio perchè stavamo perdendo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400