Cerca

Mancini: «Aspettiamo segnali da D’Odorico»

Un segnale dalla società (serie B di calcio). È quel che si aspetta lo spogliatoio prima dell’ultima gara dell’anno contro la Reggina. Oggi potrebbe essere una giornata molto importante per il futuro del Gallipoli: i calciatori che hanno accumulato ritardo nei pagamenti potrebbero vedersi saldato il dovuto. Il gruppo spera che in questo modo tutte le voci che circondano la squadra crollino come un castello di carta
• Gli arbitri in serie B
Mancini: «Aspettiamo segnali da D’Odorico»
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Un segnale dalla società. È quel che si aspetta lo spogliatoio prima dell’ultima gara dell’anno contro la Reggina. Oggi potrebbe essere una giornata molto importante per il futuro del Gallipoli: i calciatori che hanno accumulato ritardo nei pagamenti potrebbero vedersi saldato il dovuto. Il gruppo dei calciatori spera che in questo modo tutte le voci più o meno inquietanti che circondano la squadra crollino come un castello di carta. Lo si evince anche dalle parole pronunciate ieri da Manuel Mancini al termine della gara infrasettimanale. Commentando l’approccio alla gara di Crotone, sulla quale le vicende societarie hanno avuto un loro peso, il centrocampista romano ha detto che quanto successo la settimana scorsa «può aver leggermente condizionato la gara. Noi però sappiamo che quel che conta, in campo, è la squadra. In partita è importante buttarsi tutto dietro alle spalle, fermo restando che la società deve rispettare quel che ha promesso. Comunque sia, finora noi calciatori siamo stati pazienti e veri professionisti: faccio un elogio a tutta la squadra. Ci siamo impegnati sempre tutti. Lancio un messaggio al presidente: sarebbe bello se arrivasse un segnale di vicinanza della società prima della partita; farebbe bene a diversi ragazzi».

Quel che chiedono i calciatori di Beppe Giannini è un Natale sereno. In quest’ottica, oltre alla sicurezza economica, conta molto anche chiudere in bellezza un anno solare che, tra alti e bassi, resta pur sempre il migliore nella storia del club salentino. «Terminare l’anno conservando il vantaggio acquisito sulla quint’ultima in classifica per noi sarebbe importante, una grande soddisfazione», dice «Mancio». «Non sarà semplice, visto che la Reggina è in netta ripresa. È una squadra costruita per andare in serie A, che annovera tantissimi calciatori di categoria superiore: il primo che mi viene in mente è Brienza, uno di quei giocatori che può metterti in difficoltà da un momento all’altro. Noi però veniamo da due sconfitte, la prima immeritata contro il Torino la seconda maturata su quattro calci di punizione: andremo in campo cercando di dare il massimo». Magari facendo un po’ più attenzione ai calci piazzati, costati finora 14 reti (rigori compresi) sulle 22 subite: «La statistica dice che soffriamo queste situazioni. Dobbiamo stare tranquilli e continuare a lavorare per migliorare certi meccanismi». Mancini, calciatore cui Giannini rinuncia quasi mai (16 presenze su 18), non sembra aver sofferto il suo esordio in serie B: «Mi sembra che in questo primo scorcio di stagione stia andando tutto per il meglio. A livello individuale è la prima volta che gioco nella cadetteria: devo ringraziare la squadra e l’allenatore che mi ha messo in condizione di fare sempre bene. Senza il sostegno del collettivo sarebbe dura per tutti».

Il test di ieri contro la Juventina Lecce è finito 8 a 1: a segno Viana (2), Di Carmine (2), Mounard, Daino, Scaglia e Mancini (per la squadra di dilettanti Alfredo Capilungo ha segnato un gol spettacolare e ricevuto i complimenti di Giannini, che nella ripresa ha giocato insieme ai suoi calciatori). Il «Principe» ha schierato il 3-5-2: fuori a scopo precauzionale Grandoni; hanno lavorato a parte Eliakwu, Franchini, Moro, Depetris, Koprivec, Garavano, Maritato e lo squalificato Abbate. Preoccupazione per Mounard e Ginestra, usciti per dei dolori muscolari probabilmente dovuti al lavoro sul sintetico: oggi (a porte chiuse prima dello scambio di auguri con i ragazzi del vivaio) potrebbero rimanere a riposo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400