Cerca

Cras, due punti al traguardo ma il Riga è all’ultima spiaggia

Chi, guardando la classifica del girone A dell'Eurolega di basket femminile, pensa che la sfida che può regalare l'accesso agli ottavi con due turni di anticipo sia poco più che una formalità, potrebbe essere costretto a ricredersi. Perché se le rossoblu hanno bisogno solamente di altri 2 punti per blindare il passaggio alla seconda fase, è anche vero che l'avversaria, la squadra lettone del TTT Riga, non può perdere
• «Aspettavamo le scuse di Faenza»
Cras, due punti al traguardo ma il Riga è all’ultima spiaggia
di ANGELO LORETO

TARANTO - Chi, guardando la classifica del girone A dell'Eurolega, pensi che questa sera la sfida che può regalare al Cras Taranto l'accesso agli ottavi di finale con due turno di anticipo sia poco più che una formalità, potrebbe essere costretto a ricredersi. Perché se le rossoblu hanno bisogno solamente di altri 2 punti per blindare il passaggio alla seconda fase, è anche vero che l'avversaria del team di Roberto Ricchini, la squadra lettone del TTT Riga, è all'ultima spiaggia.

Quattro vittorie in sette incontri per le tarantine, un solo successo per il team di coach Aigars Nerips. È questo il divario di classifica tra i due quintetti in campo, una situazione che condanna le lettoni alla vittoria, ma che concede al Cras il vantaggio del campo per cercare l'assalto alla qualificazione ma anche al terzo posto nel girone. Perché questa sera alle 20.30 al PalaMazzola le joniche non devono solo vincere, ma devono anche farlo col maggior scarto possibile così da migliorare il proprio quoziente canestri (rapporto tra canestri fatti e subiti) che al momento è di 0,993. Il -31 di Ekaterinburg della scorsa settimana ha fatto infatti scivolare Taranto alle spalle del Galatasaray Istanbul che, pur avendo gli stessi punti delle rossoblu e pur pagando -2 di differenza canestri negli scontri diretti, è al momento al terzo posto con un quoziente di 1,069.

È su questo aspetto matematico, il più importante di tutti per disegnare la griglia della fase ad eliminazione diretta, che il Cras deve fare la sua corsa, per cercare di chiudere la fase a gironi con uno degli otto migliori quozienti tra i sedici che accederanno agli ottavi, così da avere il vantaggio del campo nell'eventuale «bella». E sarà un Taranto al completo quello che stasera cercherà la quinta vittoria europea. Con l'unico dubbio che attanaglia il pivot Godin, sofferente a causa di un unghia di un piede, che però sarà regolarmente in campo. Le joniche affrontano questo impegno dopo l'exploit di domenica a Faenza dove, dopo un tempo supplementare conquistato in rimonta, hanno centrato, contro la formazione quarta in classifica in A1, la decima vittoria in altrettante partite di campionato. Un record storico che permette alle rossoblu di scattare a +4 sulle seconde. E che è ulteriore benzina nel motore di questo Cras che è ad un passo dal conquistare un posto tra le migliori sedici squadre d'Europa. Un tagliando in palio già questa sera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400