Cerca

Bari, due rinforzi in arrivo a gennaio

Perinetti, direttore sportivo dei biancorossi, dopo la vittoria sulla Juve: «Traguardo europeo? L'obiettivo rimane la salvezza, ma prendiamo coscienza dei nostri mezzi. Vedremo se potremo regalarci due elementi. Il nostro calcio è fondato sugli esterni, se ne arrivasse almeno uno sarebbe fondamentale. Poi vorremmo anche un attaccante alla nostra portata»
• Kutuzov sarà operato alla caviglia
Bari, due rinforzi in arrivo a gennaio
BARI – Bari si è svegliata in festa all’indomani dell’importante successo contro la Juve. La squadra di Ventura è ormai una bella realtà di questo campionato. «Abbiamo più punti di quelli previsti in estate e altri li abbiamo persi per strada – spiega a Sky Sport 24 il direttore sportivo Giorgio Perinetti –. In settimana abbiamo parlato con i ragazzi e ci siamo detti di mantenere la nostra determinazione, continuare a seguire questo allenatore che sa proporre calcio e interpretarlo nella maniera giusta. Ci davano come squadra già retrocessa e abbiamo ribaltato questo pronostico con risultati e bel gioco. Da dove siamo ripartiti? Prima di tutto bisognava ridare fiducia a Vincenzo Matareese, poi l’esperienza Conte è stata positiva e ci è servita per ritornare in A, adesso Ventura ha completato questo progetto e dato grande continuità. Dove vogliamo arrivare? Il Bari deve essere quello che è adesso ovvero una matricola devastante in alcuni momenti che qualche volta inciampa perchè in pochissimi hanno giocato in A. Credo che il calcio italiano debba riscoprire la voglia del gioco, bisogna riempire gli stadi divertendo». Perinetti ammette che gli obiettivi stagionali del Bari potrebbero esssere rivisti in corsa.

«Traguardo europeo? Il progetto prende corpo, il nostro obiettivo rimane la salvezza, ma stiamo scoprendo che ogni giorno lavoriamo, prendiamo coscienza dei nostri mezzi e riuscimo a supplire ad assenze come quelle di Kutuzov e Ranocchia. A gennaio vedremo se potremo regalarci due elementi che ci consentiranno di aumentare ancora il potenziale dell’organico, però senza sognare, continuando ad essere umili e concreti. Un indizio sugli acquisti? Il nostro calcio è fondato sugli esterni, se ne arrivasse almeno un altro sarebbe fondamentale. Poi visto che perderemo Kutuzov per molto tempo vorremmo anche un attaccante alla nostra portata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400