Cerca

Bari, ancora speranze di salvezza: 2-1 al Piacenza

In gol nella ripresa Motta (50'), Campanaro (72') e Lipatin (89'). Protagonista è stato però Valdes. Biancorossi a quota 50 col Verona. Ultimo turno: Palermo-Bari, Como-Verona, Venezia-Triestina (lagunari a quota 48). A questo punto è molto probabile lo spareggio col Venezia. Messina in serie A, Atalanta quasi
BARI-PIACENZA 2-1 (0-0)

Bari (4-4-2): Battistini, Brioschi, Doudou, De Rosa, Anaclerio, Valdes, Bellavista, Markic, Pizzinat (28' st Cordova), Motta (33' st Lipatin), Bruno. (21 Spadavecchia, 3 Ingrosso, 6 De Franceschi, 15 Mora, 5 Neqrouz). All. Pillon.
Piacenza (4-3-3): Orlandoni, Campanaro, Abbate, Fattori, Radice, Riccio (17' st Minopoli), Miceli, Bocchetti (36' st Lucenti), Tarana, Beghetto, Colombo (46' Babatunde). (22 Bagnacani, 7 Patrascu, 25 Miglionico, 23 Ambrosetti). All. Cagni.
Arbitro: Dondarini di Finale Emilia.
Marcatori: nel st 5' Motta, 27' Campanaro, 44' st Lipatin.
Ammoniti: per gioco falloso Colombo, Radice, Doudou, Anaclerio.
Espulso: Fattori al 37' st per proteste Angoli: 9-5 per il Bari.
Recupero: 1' e 3'.
Spettatori: 16.500 circa (paganti 13.006, abbonati 2.743 per un incasso complessivo di euro 30.191,21).

BARI - Con una botta del redivivo Lipatin e una grande prestazione del cileno Valdes il Bari ha domato quasi allo scadere dell'incontro il Piacenza in una partita combattuta ed equilibrata in cui i pugliesi sono stati più aggressivi fin dai primi minuti, anche per il caloroso sostegno del pubblico. Si fa sempre più concreta ora la possibilità di uno spareggio per la permanenza in B tra Bari e Venezia (il Verona è indubbiamente avvantaggiato dal calendario e dal miglior punteggio nella classifica degli scontri diretti).
Il Bari ha riscattato con un' autorevole prova di carattere la scialba prestazione di Napoli, affrontando senza nessun timore reverenziale gli emiliani, con un modulo offensivo (due punte Bruno e Motta più l'irrefrenabile funambolo Valdes) e tanta grinta. Il Bari ha subito aggredito l'avversario e, nei primi minuti, non solo ha esercitato una maggiore supremazia territoriale ma ha anche costruito buone occasioni da rete con De Rosa, Bruno e Valdes. Solo alla mezz' ora il Piacenza si è proposto con convinzione in avanti, creando qualche apprensione a Battistini con un colpo di testa di Bocchetti, una conclusione di Beghetto e un tiro terminato alto sulla traversa di Tarana.
Nel finale il cileno Valdes ha calciato di poco a lato un diagonale, ben servito da Bruno. Nella ripresa il Bari è passato in vantaggio dopo 5' con Motta, lesto nell'approfittare dello svarione difensivo degli emiliani superando con un tiro angolato Orlandoni. Il Piacenza ha accusato il colpo e il Bari avrebbe potuto chiudere l'incontro con ben tre palle gol non concretizzate dallo stesso Motta.
Alla mezz'ora il Piacenza ha pareggiato il conto con Campagnaro che, lasciato libero dai distratti centrali baresi, ha corretto di testa in rete una punizione di Tarana. Il Bari non si è scomposto, Pillon ha azzeccato le sostituzioni, prima inserendo il cileno Cordova per sfruttare le sue doti balistiche e poi Lipatin, rivelatosi l'uomo partita. Proprio l'uruguaiano al 44' ha segnato il gol della vittoria con una botta imparabile per l'estremo difensore degli emiliani. «Ora dobbiamo vincere a Palermo - ha detto il tecnico del Bari, Pillon - per giocare il ritorno del possibile spareggio con il Venezia in casa al San Nicola».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400