Cerca

Bari, A. Masiello «Toh, chi si rivede»

Il difensore dei biancorossi è pronto. In fondo, la Juve (prossima avversaria nella serie A di calcio sabato alle ore 20,45) ce l’ha un po’ nel cuore, visto che con la maglia bianconera si è affacciato nel calcio che conta. Capello credeva ciecamente in lui, poi la sua carriera ha subìto qualche imprevisto di troppo e per potersi ripresentare a certi livelli ha dovuto fare un giro un po’ largo. Ma soddisfacente
Bari, A. Masiello «Toh, chi si rivede»
di Antonello Raimondo

BARI  - Fossero tutte così le settimane post-sconfitta. Napoli ha lasciato in eredità rabbia e grande rammarico. Ma certo i novanta minuti del San Paolo non hanno avuto il potere di cancellare, con un colpo di spugna, tutto quanto di buono fatto finora. L’allenatore, per esempio. Ventura resta l’affidabile garante del progetto barese. Il suo lavoro è sotto gli occhi di tutti. Anche dopo una domenica pazza come quella di Napoli.

Per fortuna arriva la Juve. Con avversari così non c’è nemmeno bisogno di lavorare sulle «teste» dei calciatori. Partite di questa portata vorresti giocarle subito, queste sono le sfide che tutti sognano un giorno di giocare. Il «San Nicola» pieno, un avversario importante, l’occasione per dimenticare un passo falso mai così amaro. È già conto alla rovescia, via libera ad adrenalina e... libidine. Quella che scorre ancora nelle vene di Ventura.

Andrea Masiello è pronto. In fondo, la Juve ce l’ha un po’ nel cuore visto che con la maglia bianconera si è affacciato nel calcio che conta. Fabio Capello credeva ciecamente in lui, poi la sua carriera ha subìto qualche imprevisto di troppo e per potersi ripresentare a certi livelli ha dovuto fare un giro un po’ largo. Ma non per questo meno soddisfacente, anzi. «Ho fatto tanta strada per poter arrivare ad affrontare la Juve in serie A da avversario. Dovremo stare attenti - spiega il terzino bioancorosso - Del Piero, Diego e Amauri sono grandi campioni. Ma credo che dovremmo tenere d’occhio anche un grande giocatore come Marchisio, con il quale ho condiviso il percorso nella Primavera bianconera insieme a Palladino, Mirante e Konko».

La Juve arriva in un momento strano per la difesa del Bari (sette reti subite in tre gare) ma Masiello minimizza la questione: «Ci abbiamo messo del nostro nelle ultime tre partite. Non è giusto considerarci adesso un reparto colabrodo. A Napoli, per esempio, sulle ultime due reti la squadra era un pò lunga. In ogni caso vogliamo rifarci contro la Juve: sarà un partita intensa e spettacolare».

Capitolo formazione. Gazzi sembra recuperabile, tutta da verificare la disponibilità di Salvatore Masiello. In preallarme sia Diamoutene che Stellini. Koman e Greco non si sono allenati a causa di un attacco di gastroenterite. Kutuzov resta ancora ai box: niente Juve per lo sfortunato attaccante bielorusso. Rivas si allena con i compagni ma sulle sue condizioni vige il massimo riserbo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400