Cerca

Cassano litiga con tifoso fa un gestaccio e se ne va

È bastata una frase mal interpretata per scatenare la tensione alla ripresa degli allenamenti in casa Sampdoria. Le tre sconfitte negative hanno lasciato il segno e lo si è visto ieri al campo di allenamento con una «cassanata» tra il campione barese ed uno dei circa trecento tifosi che assistevano alla sgambata dei blucerchiati. La tensione si è però stemperata già in serata
Cassano litiga con tifoso fa un gestaccio e se ne va
GENOVA – È bastata una frase di un tifoso mal interpretata per scatenare la tensione alla ripresa degli allenamenti in casa Sampdoria. Le tre sconfitte negative hanno lasciato il segno e lo si è visto al campo Gloriano Mugnaini con una «cassanata» tra il campione barese ed uno dei circa trecento tifosi che assistevano alla sgambata dei blucerchiati. 

Tensione che si è però stemperata già in serata, all’uscita di Cassano che si è fermato a firmare autografi con il gruppetto di tifosi rimasti. La società infine ha escluso l’ipotesi di un ritiro prima dell’anticipo di sabato con la Roma. Mentre i giocatori blucerchiati correvano sulla pista di atletica, Un tifoso ha richiamato Antonio Cassano che si stava allenando lontano dalla tribuna occupata da circa trecento supporters blucerchiati invitandolo a correre dalla loro parte. Il giocatore, secondo una ricostruzione, avrebbe mal interpretato la frase (uno scherzoso «non fare il permaloso») che sarebbe diventata un più pesante «non fare il pauroso». Questo ha provocato la reazione del giocatore stesso, che ha rivolto un gestaccio agli spettatori ed è rientrato negli spogliatoi anzitempo. 

L’allenamento invece è proseguito in maniera regolare. Tensione che solo nel tardo pomeriggio si è stemperata al termine di un incontro chiarificatore tra il giocatore e un gruppo di tifosi che aveva atteso la fine della seduta. Cassano all’uscita degli spogliatoi ha firmato autografi e dopo aver parlato con i tifosi presenti ha confermato, di fronte ad una domanda diretta, la voglia di rimanere alla Sampdoria. «Sono cose che possono succedere, c'è chi lavora e sta zitto e c'è chi interpreta male una frase e risponde» ha commentato poi Angelo Palombo, capitano blucerchiato. 

Al di là dell’episodio che ha visto coinvolto il numero 99 blucerchiato Del Neri ha potuto lavorare con tutto il gruppo a disposizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400