Cerca

Di Carmine: «Gallipoli ora mi sono sbloccato»

L'attaccante, classe '88, è il decimo marcatore stagionale della squadra salentina nella serie B di calcio: «È stato molto importante per me tornare al gol. Per un attaccante è fondamentale mantenere il feeling con il gol. Onestamente, 12 presenze senza neppure un gol cominciavano ad essere pesanti. Spero di essermi sbloccato e di ritornare al gol per centrare la salvezza, il nostro primo obiettivo»
Di Carmine: «Gallipoli ora mi sono sbloccato»
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Beppe Giannini, con la sua «voglia di stupire», ha fatto scuola. In questo pazzo campionato di serie B i ruoli si invertono: ora è il Gallipoli ad essere preso a modello, anche dai big della cadetteria. Proprio come il Torino e il suo uomo-simbolo, Rolando Bianchi. Riferendosi ai giallorossi il capocannoniere del campionato ha dichiarato che il Gallipoli «è una squadra in salute, gioca un ottimo calcio e sa sognare molto. Dobbiamo imparare da loro: anche noi dobbiamo sognare di più per toglierci quelle zavorre che non ci permettono di rendere al massimo».

Un grande complimento per una squadra che, oltre a sognare, sta facendo sognare la tifoseria. In città tutti parlano del possibile, storico sorpasso ad una grande del calcio italiano. Il Torino è solo ad un passo. I tifosi sono in fermento (hanno organizzato un pullman per raggiungere il Via del Mare da Gallipoli) e coccolano sui loro siti internet una squadra da record: 10 calciatori a segno (ha fatto meglio solo il Cesena con 11 marcatori), miglior rendimento esterno (13 punti come Modena e Vicenza, meglio di Frosinone e Torino a quota 12), un passo a novembre da 2,5 punti a partita (come il Lecce e meglio dell'Ancona), 29 giocatori fin qui schierati (praticamente tutta la rosa). Numeri che fanno davvero impressione.

Non destano particolare impressione, invece, i numeri prodotti al Via del Mare: solo 9 punti conquistati su 21, appena 4 i gol segnati davanti al proprio pubblico. Un bottino magro, dovuto probabilmente alla scarsa dimestichezza del parco-attaccanti con la categoria: Di Gennaro, Di Carmine e Maritato sono esordienti, mentre Ginestra ha riscoperto la B dopo 5 anni. Da un po’ di tempo però il vento sta cambiando: 4 degli ultimi 7 gol (quelli che hanno fruttato 3 vittorie) portano la firma degli attaccanti gallipolini (2 Ginestra, 1 a testa per Di Carmine e Di Gennaro). Ora è giunto il momento di sbloccarsi in casa, dove le punte non hanno mai fatto gol.

Sogna un gol in casa, dopo quello siglato in trasferta, Sam Di Carmine. L'attaccante, classe '88, è il decimo marcatore stagionale del Gallipoli: «È stato molto importante per me tornare al gol. Per un attaccante è fondamentale mantenere il feeling con il gol. Onestamente, 12 presenze senza neppure un gol cominciavano ad essere pesanti. Spero di essermi sbloccato e di ritornare al gol per centrare la salvezza, il nostro primo obiettivo».

La punta, prodotto del vivaio della Fiorentina, ma con alle spalle una esperienza nella cadetteria inglese nelle fila del Queens Park Rangers, ha fatto breccia nei pensieri tattici del «Principe», che lo schiera titolare da ormai quattro giornate preferendolo ad una colonna come Di Gennaro: «Contendere il posto a Di Gennaro non è semplice, visto che lui gioca qui da 3 anni. Sono soddisfatto di come stanno andando le cose qui a Gallipoli».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400