Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 00:15

Il Bari soffre poi vince al 93'

Cronaca della partita
Nel 14° turno della A di calcio, i biancorossi si fanno infilare al 3' da Vergassola e giocano per circa un'ora una partita mediocre senza impensierire gli avversari. Poi entrano Kamata e Greco e comincia l'assedio che porta alle reti  di Andrea Masiello (79') e di Greco nel recupero
• Ventura: «Secondo tempo da applausi»
• Striscione contro Mughini
• I risultati: Atalanta sconfitta dalla Roma
• La classifica: Bari, +9 sulle terz'ultime
• I cannonieri: pirmo gol per Masiello e Greco
• Il prossimo turno: Napoli-Bari
Il Bari soffre poi vince al 93'
BARI-SIENA 2-1 (0-1 nel primo tempo)

BARI (4-4-2): Gillet 6; A.Masiello 6.5, Ranocchia 6, Bonucci 6, Parisi 5; Alvarez 5 (12'st Kamata 7), Donati 6, Almiron 6, Koman 5.5 (38'st Antonelli 6.5); Meggiorini 5.5, Barreto 4.5 (33'st Greco 7) In panchina: Padelli, Stellini, Allegretti, De Vezze Allenatore: Ventura 6.5.
SIENA (4-3-3): Curci 6; Rosi 6 (21'st Ficagna 5.5), Terzi 6, Brandao 6, Del Grosso 6.5; Vergassola 7, Genevier 5.5, Jarolim 5.5; Fini 6 (18'st Reginaldo 5), Maccarone 6 (39'st Calaiò sv), Ghezzal 6 In panchina: Pegolo, Rossi, Codrea, Jajalo. Allenatore: Malesani 6.
ARBITRO: Candussio di Cervignano del Friuli 6.5.
RETI: 3'pt Vergassola; 34'st A.Masiello, 48'st Greco.
NOTE: pomeriggio mite, terreno in discrete condizioni, spettatori 30.000 circa. Angoli: 8-1 per il Bari. Ammoniti: Del Grosso, Rosi, Ficagna, Terzi. Recupero: 0'; 5'+1'.

BARI - Con una deviazione in scivolata di Greco, al terzo minuto di recupero della ripresa, il Bari ha scassinato il bunker difensivo del Siena conquistando un’importante vittoria in chiave salvezza. I pugliesi, ottavi in compagnia di Roma e Fiorentina, portano a nove i punti di vantaggio sulla zona retrocessione mentre i toscani restano fanalino di coda pur avendo mostrato segnali di ripresa con l'arrivo sulla panchina di Alberto Malesani. 

Gli undici allenati da Giampiero Ventura hanno accusato in avvio l’aggressività degli avversari. Lo svarione difensivo nell’azione del gol di Vergassola (ha battuto Gillet in acrobazia anticipando Parisi) ha reso subito in salita la gara, soprattutto perché aleggiava in campo lo spettro del tracollo subito la domenica precedente a Roma. Il solido centrocampo a cinque predisposto da Malesani ha costretto il Bari ad uno sterile possesso palla. Donati e Almiron hanno cercato invano di allargare il gioco, mentre le punte sono apparse a disagio negli spazi stretti. Nel primo tempo Barreto ha comunque mancato clamorosamente il pari ciccando da buona posizione. 

L'intervallo ha segnato il momento di svolta per i biancorossi: Ventura ha strigliato i suoi e nella ripresa si è vista un’altra intensità nella proposizione delle trame offensive e una maggiore determinazione. Dopo un gol annullato a Meggiorini (per fuorigioco), i tre innesti operati nel Bari (Kamata, Antonelli e Greco) hanno fornito le indispensabili energie fresche per scardinare la difesa avversaria. E al cospetto di un Siena arroccato nella propria metà campo, con il solo Maccarone più avanzato, i pugliesi hanno proposto trame articolate, costruendo occasioni da gol con schemi e geometrie molto efficaci. 

Il pari è stato siglato da Masiello con una botta dal limite che ha concretizzato la netta supremazia territoriale. Sull'1-1 Almiron e compagni hanno creduto di poter conquistare il bottino pieno e in due occasioni Bonucci ha sprecato malamente da buona posizione gli assist di Kamata. Nel recupero Antonelli, dopo una fuga caparbia sulla fascia destra, ha servito un cross in area che Greco ha spizzicato in rete: un gol che vale tre punti pesantissimi conquistati contro una diretta concorrente per la salvezza.

• Ventura: «Secondo tempo da applausi»
• Striscione contro Mughini
• I risultati: Atalanta sconfitta dalla Roma
• La classifica: Bari, +9 sulle terz'ultime
• I cannonieri: pirmo gol per Masiello e Greco
• Il prossimo turno: Napoli-Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione