Cerca

Bari-Siena, Kutuzov no Langella ha l'influenza

È un momento in cui il tecnico Ventura... non si fa mancar nulla. Problemi, intoppi di varia natura. Nulla di sconvolgente, ci mancherebbe. Ma questi sono i momenti in cui un allenatore vorrebbe poter scegliere, valutare senza dover fare i conti con il parere del medico sociale. Invece no. Squadra rabberciata a Roma, più o meno stessa musica contro il Siena, domenica al San Nicola nella gara della serie A di calcio
• Ventura: «Importante la mentalità»
Bari-Siena, Kutuzov no Langella ha l'influenza
BARI - È un momento in cui Giampiero Ventura... non si fa mancar nulla. Problemi, problemini, intoppi di varia natura. Nulla di sconvolgente, ci mancherebbe. Ma questi sono i momenti in cui un allenatore vorrebbe poter scegliere, valutare senza dover fare i conti con il parere del medico sociale, impostare la partita attraverso la valutazione delle caratteristiche dei propri uomini e di quelle degli avversari.

Invece no. Squadra rabberciata a Roma, più o meno stessa musica contro il Siena, domani al «San Nicola». Kutuzov, per esempio, sembra ormai fuori gioco. Anche ieri, infatti, l’attaccante bielorusso ha svolto lavoro differenziato (tendinite). Con Meggiorini che sta bene e scalpita, facile immaginare che Ventura stia già pensando di affiancare l’ex bomber del Cittadella a Barreto. A proposito del brasiliano, tutte le attenzioni saranno puntate su di lui. Non vive un momento particolarmente felice ma, con l’aiuto del pubblico che lo ama da sempre, ha i mezzi per tornare lo spietato attaccante che ha contribuito con le sue prodezze a riportare il Bari in serie A.

Le condizioni di Kutuzov, però, non rappresentano l’unico motivo di incertezza per l’allenatore biancorosso. Ieri, infatti, si è nuovamente fermato Alvarez. L’esterno honduregno ha smaltito la contrattura muscolare che lo aveva costretto al forfait all’Olimpico ma ora lamenta una contusione alla coscia. Dovrebbe farcela, ma In preallarme c'è Antonelli, che a Roma ha offerto alcuni spunti interessanti, ma che non ancora il passo per garantire continuità nel lavoro sulla fascia. Koman e Allegretti si contendono, invece, una maglia sul versante mancino, visto che Langella è messo fuori causa dall'influenza. Sembra favorito l’ungherese attorno a cui si è creato un clima di assoluto favore. C’è voglia di vederlo ancora all’opera.

Ancora fuori causa Gazzi e Salvatore Masiello, i cui recuperi procedono, però, nel migliore dei modi. Il centrocampista bellunese potrebbe tornare a disposizione per la trasferta di Napoli o, nella peggiore delle ipotesi, nell’anticipo in notturna contro la Juventus. Per il terzino, invece, il match contro la Vecchia Signora sembra una chimera nonostante la lesione muscolare sembri ormai solo un cattivo ricordo. E a proposito di Juve: i biglietti saranno in vendita con una settimana di anticipo, e cioè a partire da lunedì prossimo, 29 novembre. Alla Servizi sportivi e in tutte le rivendite del circuito Ticket One.

Chi, invece, gode di ottima salute è l’altro Masiello, Andrea, protagonista finora di un campionato molto positivo. A Roma è stato uno dei pochi a salvarsi nella mezz’ora iniziale in cui la squadra di Ranieri faceva il bello e il cattivo tempo. «Il Bari non è più in vendita? - l’attacco del difensore toscano - Beh meno male, comunque a parte tutto noi dobbiamo pensare solo al campo e fare risultato per noi e per la società. Siamo tranquilli, l’obiettivo è solo il campo. Sappiamo che non sarà facile, il Siena giocherà la sua partita sapendo che solo una vittoria può dar loro il cambio di rotta. Noi non siamo arrabbiati dopo la trasferta di Roma, dobbiamo ripartire dalla reazione che il Bari ha avuto nel secondo tempo. La squadra c’è ed è importante che abbia la fiducia dei tifosi».

[ant.raim.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400