Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 11:13

La Florens esce tra gli applausi ma resta con un pugno di mosche

Le biancorosse allenate da Radogna, sconfitte 3-1 a Bergamo, restano inchiodate in ultima posizione nella A1 femminile di pallavolo con l'unico punto ottenuto nell'esordio di Jesi. Classifica però bugiarda e frutto di un calendario infame visto che nelle cinque giornate disputate finora la Florens ha dovuto affrontare cinque pretendenti al titolo finale. Il vero campionato inizierà mercoledì sera (ore 20,30) con la sfida al Perugia
• A2: San Vito dei Normanni non fa sconti
• A2 uomini: Castellana d'alta quota
• Gioia del Colle ripiomba nella zona rossa
La Florens esce tra gli applausi ma resta con un pugno di mosche
FOPPAPEDRETTI BERGAMO-CGF RECYCLE FLORENS CASTELLANA 3-1
 
BERGAMO: Lo Bianco 2; Ortolani 16; Furst 12, Arrighetti 12; Bosetti 1, Del Core 21; Merlo (L), Piccinini 19, Fanzini, Zambelli, Carrara; non entrata: Gujska. All. Micelli.
CASTELLANA:Dalia 4; Biamonte 14; Jontes 15, Ritschelova 5; Soninha 9, Lipicer 9; Sansonna (L), Cardani, Labate 1, Nagy; non entrate: Caracuta, Moretti. All. Radogna
ARBITRI: Trevisan e Pozzato
NOTE Progressione set: 22-25 (26'), 26-24 (28'), 25-21 (25'), 25-17(26') in un’ora e 45'. Battute vincenti: Bergamo 0, Castellana 4. Battute sbagliate: Bergamo 17, Castellana 7. Muri: Bergamo 15, Castellana 12.

BARI - L'ennesima impresa sfiorata, il solito «pugno di mosche» al termine di una grande prova. Sul campo di una delle grandi della pallavolo italiana, la Foppapedretti Bergamo infarcita delle invincibili azzurre, la Cgf Recycle Florens Castellana Grotte non va oltre la conquista di un set pur raccogliendo meritatissimi applausi. Insomma, il cammino in campionato delle castellanesi, uniche del centro sud in massima serie, riprende nella stessa maniera in cui si era fermato prima della pausa di tre settimane imposta dai vittoriosi impegni della nazionale di Massimo Barbolini. Le biancorosse allenate da Donato Radogna restano così inchiodate in ultima posizione con l'unico punto ottenuto nel sorprendente esordio di Jesi. Classifica però bugiarda e frutto di un calendario infame visto che nelle cinque giornate disputate finora la Florens ha dovuto affrontare cinque pretendenti al titolo finale. Insomma il vero campionato di capitan Ludovica Dalia e compagne, quello per una permanenza difficile ma non impossibile, inizierà mercoledì sera (ore 20.30) con la sfida al Perugia dell'ex Annamaria Quaranta.

Tornando alla gara di Bergamo, ad apparire la favorita per un'ora è stata proprio la squadra del presidente Netti. Complici gli errori delle padrone di casa e una convincente prova della giovane centrale slovena Katya Jontes, la Florens ha comandato il primo set con vantaggi anche clamorosi (9-16 con il muro di Dalia) prima di chiuderlo grazie all'errore di Arrighetti (22-25). Lo 0-1 è adrenalina pura nelle vene delle pugliesi che combattono alla pari anche nel secondo set, tutto vissuto punto a punto fino ai vantaggi (24-24). Set chiuso da una discussa decisione degli arbitri che reputano out una fast di Ritschelova (26-24). Pareggio che galvanizza le lombarde che riprendono a martellare da par loro (7-4) e, dopo la promettente reazione ospite (9-12), conquistano in scioltezza il terzo (25-21) e ancor di più il quarto set: della Piccinini il 25-17 conclusivo.

[em. cap.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione