Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 00:50

Il Cras Taranto cala il settebello Schio cede di schianto nel finale

Le ioniche fanno fuori anche Schio (81-68) e restano sempre sole in vetta alla classifica della serie A1 femminile di basket. La partita, incerta per larghi tratti, viene dominata da Taranto nelle battute finali, durante le quali le padrone di casa allungano. Le ospiti devono lasciare i due punti. La marcia del Cras potrà proseguire nel prossimo turno. Il 29 novembre alle ore 18 farà visita al Pozzuoli nell'ottava giornata
• Legadue maschile: Crispin lancia Brindisi
Il Cras Taranto cala il settebello Schio cede di schianto nel finale
Cras Taranto-Famila Schio 81-68 

Cras Taranto: Mahoney 9, Siccardi 3, Giauro, David 5, Montagnino 11, Wambe 17, Godin 2, Prado ne, Brunson 26, Greco 8. All. Ricchini.
Famula Wuber Schio: Pastore 6, Moro 3, Sauret-Gillespie 6, Coleman 10, Masciadri 10, Ramon, Ngoyisa 8, Ress 2, Antibe 3, Macchi 12. All. Orlando.
Arbitri: Gagliardi (Fr) e Borgioni (Roma)
Parziali: 26-28, 43-44; 56-51, 81-68.
Note - Spettatori 2500

TARANTO - E’ un Cras irresistibile, che in campionato assume sempre più le sembianze di una invincibile armata. Sette vittorie su sette gare e primo posto blindato per le ragazze di Ricchini. La vittoria contro Schio, però, non è uguale alle altre. Assume un valore molto più elevato. Sia per la caratura tecnica delle avversarie, ma soprattutto perché giunge appena quattro giorni dopo l’impresa di Eurolega contro Valencia. Sintomi importanti, che sembrano eloquenti sulla coesione di un gruppo destinati a grandi traguardi.

L’avvio del match, però, è di marca veneta. Il quintetto di coach Orlando, infatti, con due triple di Macchi e Moro si porta sul 6-0. Le ioniche (schierate inizialmente con Mahoney, David, Wambe, Brunson e Greco) però ci sono e con Wambe e Mahoney ed una incisiva Greco recuperano il gap iniziale (8-8 al 3’). Il punteggio è alto, sintomo che le difese faticano a contenere la veemenza degli attacchi e si viaggia punto a punto. Al 7’ Taranto sembra prendere in mano il match (24-18), ma un parziale di 8-0 in favore di Schio riporta la gara in equilibrio. Il primo quarto si chiude 26-28 per le arancioni.

Nel secondo parziale la gara rimane viva, le squadre si fronteggiano senza timori e ne guadagna lo spettacolo. Fioccano le conclusioni vincenti dalla distanza su entrambi i fronti, tanto da mantenere il risultato pressoché inalterato. Al riposo lungo, infatti, Schio può contare sull’esiguo vantaggio di un punto (43-44).

Vantaggio neutralizzato da una tripla di Mahoney nella terza frazione che, come spesso accade, vede Taranto innestare una marcia in più. Le ioniche, trascinate da una irresistibile Rebekkah Brunson (7 punti consecutivi nella fase più delicata del match) allungano il passo, chiudendo prima dell’ultimo riposo con un +5 dal peso specifico elevato.

Schio risente del colpo, ma cerca la rimonta, stroncata sul nascere ancora una volta da un tiro dalla distanza di Mahoney che da il via all’allungo definitivo delle rossoblù. Con il PalaMazzola in visibilio il Cras da spettacolo e manda un segnale forte alle avversarie. Schio cede e per Taranto è festa.

Alfredo Ghionna

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione