Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 18:36

Taranto senza tifosi anche a Lanciano

Trasferta vietata per i tifosi tarantini domenica prossima allo stadio "Guido Biondi" per la gara di Prima Divisione di calcio . Ma questa volta i supporters rossoblù non hanno colpe arretrate da scontare. Né ci sono attriti con la tifoseria locale. Il Prefetto di Chieti, Greco, ha disposto la conferma della chiusura del settore ospiti per un problema tecnico: la curva non ha varchi d'accesso ed, in più, manca la videosorveglianza
• Foggia, Capobianco avvisa
• Potenza ha il suo Profeta
• Musci prova a ricaricare l’Andria
Taranto senza tifosi anche a Lanciano
di Giuseppe Dimito

TARANTO  - Trasferta vietata per i tifosi tarantini domenica prossima al "Guido Biondi" di Lanciano. Ma questa volta i supporters rossoblù non hanno colpe arretrate da scontare. Né ci sono attriti con la tifoseria locale. Il Prefetto di Chieti, Greco, ha disposto ieri la conferma della chiusura del settore ospiti per un problema tecnico: la curva non ha varchi d'accesso ed, in più, manca la videosorveglianza. E' dal 13 ottobre scorso che il Prefetto abruzzese non consente l'accesso all'interno dello stadio frentano ai tifosi ospiti per i due motivi elencati: al "Guido Biondi" non sono andati, in precedenza, i sostenitori di Andria e Ternana. Migliaccio e compagni, pertanto, dovranno scendere in campo senza l'incitamento del pubblico amico. Ciò nonostante saranno chiamati a riscattare l'infelice sconfitta di Portogruaro.

Sul fronte tecnico pare che il sereno sia ritornato nell'intero spogliatoio. Il presidente D'Addario ha assistito all'allenamento di ieri (doppia seduta) dei "suoi" ragazzi. Assenti Innocenti (sta curandosi a Cesenatico) e Quadri (da Portogruaro si è trasferito nella sua Brescia per curarsi l'influenza). A parte hanno girato soltanto Nocentini (non ha completamente assorbito la botta di due settimane fa) ed il baby Lisi, fresco di sottoscrizione di contratto unitamente a Gori, Sanna e De Cesare, per noie muscolari. Oggi è in programma un'altra doppia seduta. Nel pomeriggio è previsto un test in famiglia a Palagianello e non più l'amichevole a Massafra.

Non dovrebbero esserci grosse novità nella formazione che scenderà in campo a Lanciano. Brucato, durante la conferenza stampa di martedì scorso, disse che fra i motivi principali che non avevano consentito alla sua squadra di avere una rabbiosa reazione al gol incassato a Portogruaro, c'erano i cambi effettuati: «Abbiamo effettuato ben due variazioni di modulo, ma i ragazzi, non avendoli provati in allenamento, si sono un po' persi».

La gara di Lanciano, pur non essendo determinante (ci sono fortunatamente molti punti ancora a disposizione), è molto importante. Con il Rimini, sistemato in quinta fila in classifica ad una sola lunghezza dagli jonici, in trasferta a Potenza (i lucani sono in evidente crescita), un successo dei rossoblù li proietterebbe nuovamente nella zona playoff. Come dire che ciò che si è perso in terra veneta domenica scorsa, lo si può recuperare a Lanciano. A patto, tuttavia, di non commettere errori in difesa e di concretizzare le palle-gol che si presenteranno. Ieri l'altro il presidente D'Addario ha annunciato con toni fieri che il gruppo si è ricompattato e che è stato fatto il "pieno" di fiducia ed ottimismo. La verifica la si avrà fra tre giorni in Abruzzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione