Cerca

Italia Under 21, falsa partenza agli Europei

Si fa battere dalla Bielorussia all'esordio del campionato di categoria. Avvio di gara disastroso: gli avversari passano al 6' con Kirenkin, Hleb raddoppia al 44'. Nella ripresa dimezza Gilardino (58'), ma la rimonta non riesce. Espulso Bonera nel finale. Decisivo il prossimo impegno contro la Serbia (battuta la Croazia 3-2)
ITALIA-BIELORUSSIA 1-2 (0-2)

Italia (4-4-2): Amelia 6, Zaccardo 6, Barzagli 6, Bonera 6, Moretti 5.5, Pinzi 6 (36' st De Rossi sv), Brighi 5.5 (11' st Mesto 5.5), Donadel 5.5, Del Nero 5 (7' st D'Agostino 6.5), Sculli 5.5, Gilardino 6.5 (12 Agliardi, 22 Zotti, 4 Gamberini, 8 Palombo, 14 Bovo, 16 Potenza, 18 Rosina, 20 Caracciolo). All.: Gentile 5.5.
Bielorussia (4-3-1-2): Zhaunou 6, Baha 6, Tarasenka 6, Molash 6, Kirenkin 7, Pankavets 6 (18' st Suchkov 6), Shkabara 6.5, Kalachev 6, A. Hleb 7.5 (38' st Sokal sv), V. Hleb 6 (19' st Kantsavy 6), Kornilenko 6. (12 Y. Tsyhalka, 22 Lohvinau, 4 Sashcheka, 15 Razhkou, 16 Shmihera, 17 M. Tsyhalka, 18 Biahanski, 20 Kirilchik). All.: Puntus 6.5.
Arbitro: Messias (Inghilterra) 5.
Reti: nel pt 6' Kirenkin, 44' A. Hleb; nel st 13' Gilardino.
Angoli: 7 a 4 per la Bielorussia.
Recupero: 1' e 3'.
Espulsi: Bonera 47' st per gioco violento.
Ammoniti: Barzagli, Donadel e Kalachev per gioco scorretto, Gilardino per simulazione.
Spettatori: 3.000.

** I GOL **

6' pt - angolo di Kalachev, Kirenkin, un difensore, svetta e manda il pallone sotto la traversa.
44' - Aliaksandr Hleb scocca un sinistro dal limite che finisce all'angolino, con Amelia sconcertato.
13' - cross da destra di Mesto, Gilardino accorcia le distanze con una girata di testa imparabile per Zhanou.

BOCHUM (GERMANIA) - Esordio da incubo per l'Italia agli Europei under 21: al Ruhrstadion di Bochum ha perso con l'emergente Bielorussia ispirata dal talento di Aleksandr Hleb. Sotto di due gol al riposo, il guizzo di Gilardino nel secondo tempo non le ha evitato una sconfitta davvero pesante, anche perché gli azzurrini hanno finito la partita in 10, con Bonera espulso, forse con troppa severità dall' arbitro inglese Messias, che ha ammonito altre tre azzurri, tra cui Gilardino per simulazione (caduta in area, chiedendo il rigore). Tra 48 ore il secondo match, contro la Serbia Montenegro, sarà già decisivo: l'ex Jugoslavia ha infatti vinto 3-2 sulla Croazia l'altro incontro della prima giornata. Vincere è d'obbligo, anche perché la Bielorussia ha tutte le doti per recitare una parte da protagonista in tutto il torneo.
Disastro su tutta la linea per l'Italia del primo tempo, con centinaia di italiani delusi sulle gradinate e la pittoresca banda dei tifosi bielorussi in festa. Trafitta da un gol di Kirenkin, difensore del Naftan Novopolotsk, dopo appena 6', l' Under 21 è rimasta in totale balia dei bielorussi, ad ammirare Aliaksandr Hleb, talentuoso centrocampista della Stoccarda, che a forza di finte e di tocchi vellutati, è arrivato ogni volta fino all'area azzurra senza che nessuno osasse toccarlo. Ma non era certo una voce nel deserto quella di Hleb: la Bielorussia ha sciorinato tutte le qualità temute dal ct azzurro Gentile, velocità, pressing, fantasia.
L'Italia non ha sempre subito: nell' ultimo quarto d'ora è riuscita a chiudere gli avversari nella loro area, ma i nostri attaccanti sono stati tortuosi al tiro. Poco servito Gilardino, stretto tra Tarasenka e Molash, ma guardato con un occhio di riguardo anche da Kirenkin, molto mobile in difesa. Così, dopo avere buttato alle ortiche il pareggio due-tre volte, gli azzurrini hanno subito il secondo gol, firmato da Hleb.
Rimonta difficile, anche se la Bielorussia aveva già rallentato il ritmo. L'Italia ha dato l' impressione di potere rimediare solo quando a centrocampo si è sentito l'estro di D'Agostino il romanista entrato dopo le prime battute del secondo tempo al posto di un inconcludente Del Nero. Gentile ha fatto un altro cambio, sostituendo Brighi con Mesto e dal piede del centrocampista della Reggina è partito il passaggio che ha mandato in gol di Gilardino. Gli azzurrini hanno cercato il pareggio, ma la Bielorussia si è chiusa bene in difesa, lasciandoci pochi spazi. L'uscita di Hleb nel finale ha dato qualche speranza in più a Gentile, ma Amelia ha dovuto salvarsi due volte. E' entrato anche De Rossi, nel recupero la tegola dell' espulsione di Bonera per un contrasto a centrocampo con Kantsavy, che l'arbitro Messias ha giudicato azione violenta.
Tutto da rifare: il centrocampo azzurro non ha avuto personalità, fino a quando non è entrato D'Agostino, in attacco Sculli non ha mantenuto le promesse e Gilardino non è stato servito a dovere. Una lezione che l'Under dovrà imparare in fretta, per evitare un' eliminazione che sarebbe davvero cocente.

Questi i risultati e la classifica del gruppo A degli Europei under 21 di calcio in
svolgimento in Germania

A Oberhausen
Serbia/Montenegro-Croazia 3-2
A Bochum:
Italia-Bielorussia 1-2

Classifica

Legenda: punti giocate vinte pareggiate perse gol fatti gol subiti

Serbia/Montenegro 3 1 1 0 0 3 2
Bielorussia 3 1 1 0 0 2 1
Croazia 0 1 0 0 1 2 3
Italia 0 1 0 0 1 1 2

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400