Cerca

Il ministro della... difesa «Perché no a Cassano?»

L'interista La Russa: «È una cosa che grida vendetta. Non lo convocherà, lo metto per iscritto. Amauri sì. Perchè? Sembra che più oriundi a Lippi i giocatori piacciano juventini. Non c'è più una logica: forse è più logico che non convochi nemmeno Balotelli, perché è stato discusso anche dal suo allenatore. Comunque Balotelli non è titolare fisso è giovane, bene non lo metti; ma come mai non convochi Cassano?»
Il ministro della... difesa «Perché no a Cassano?»
ROMA – «Non capisco le scelte di Lippi. Non convocherà Cassano per i Mondiali, ma è una cosa che grida vendetta». Il ministro della Difesa Ignazio La Russa, tifoso interista, discute le scelte azzurre di Marcello Lippi in un’intervista a Dahlia Sport. «Amauri che di italiano non ha nulla, sì, Thiago Motta no, Zarate neanche. A me – prosegue La Russa – sembra che più oriundi a Lippi i giocatori piacciano juventini. Questo sta allontanando i giovani dalla squadra nazionale. Lippi, che pure è uno dei migliori tecnici, e con il quale ho un ottimo rapporto personale, deve riflettere, perchè immagina di essere non il selezionatore, ma quello che può decidere tutto sulla nazionale, anche in base a motivi di simpatia. Ad esempio non portò Panucci ai mondiali, bensì uno che fece l’autogol; per poco non ci escludevano».
Poi su Cassano il ministro spiega: «Cassano? Non lo convocherà, lo metto per iscritto, ma è una cosa che grida vendetta. Amauri sì, Cassano no. Perchè? Non c'è più una logica: forse è più logico che non convochi nemmeno Balotelli, perchè è stato discusso anche dal suo allenatore. Comunque fosse per me convocherei anche Balotelli, lo coccolerei perchè è come i tifosi della curva. Balotelli non è titolare fisso è giovane, bene non lo metti; ma come mai non convochi Cassano?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400