Mercoledì 15 Agosto 2018 | 09:42

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Lecce-Bari Giovanissimi si trasforma in tragedia

Giuseppe Loliva, 77 anni, di Gioia del colle (Bari), nonno di un giocatore, è morto per infarto dopo che teppisti leccesi, da identificare, hanno aggredito i familiari dei calciatori baresi. Aperta un'inchiesta: l'ipotesi di reato è rissa aggravata, ma anche omicidio colposo e morte conseguente di un altro delitto
CALIMERA (LECCE) - Un'inchiesta sugli incidenti accaduti domenica scorsa nel corso del derby di calcio per il campionato Giovanissimi Lecce-Bari, al quale assisteva Giuseppe Loliva, 77 anni, di Gioia del colle (Bari), morto poi per infarto, è stata avviata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce. Le indagini dei carabinieri sono coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di turno, Valeria Mignone.
L'attuale ipotesi di reato, a quanto si è appreso, è la rissa aggravata, ma negli ambienti investigativi non si esclude che possano successivamente essere ipotizzati altri reati tra i quali l'omicidio colposo e la morte conseguente di un altro delitto. I militari stanno cercando di identificare i teppisti leccesi che hanno aggredito i familiari dei calciatori baresi e di ricostruire le fasi della vicenda.
Il nonno del giocatore del Bari della squadra Giovanissimi è morto nell'ospedale di Galatina. Vicino a lui teppisti leccesi avevano aggredito uno sparuto gruppo di baresi, perlopiù familiari dei calciatori. La vittima è stato soccorso e trasportato all'ospedale di Galatina dove è stato ricoverato e sottoposto a cure intensive, ma dopo alcune ore è morto.
All'incontro, disputatosi a Calimera, a circa 15 chilometri da Lecce, ha assistito qualche centinaio di spettatori. La partita, sino a pochi minuti dalla fine del primo tempo supplementare, si è svolta regolarmente con la squadra salentina in vantaggio per 1-0, risultato analogo all'andata svoltasi a Bari. Gli animi si sono accesi quando i giocatori baresi sul campo, ed i loro sostenitori sugli spalti, hanno inutilmente invocato la concessione di un calcio di rigore. L'arbitro, invece, è stato di diverso avviso ed ha fatto proseguire la partita.
Le opposte tifoserie erano sulla stessa gradinata non essendo stata prevista una divisione di settori. Tra i due gruppi c'erano anche cinque carabinieri i quali inutilmente hanno cercato che teppisti sostenitori del Lecce aggredissero i baresi. Nelle fasi concitate un militare ha riportato ferite giudicate guaribili in 20 giorni. Loliva, nell'assistere all'aggressione, è stato colto da malore; la partita è stata interrotta per qualche minuto, è stato quindi soccorso dai medici delle due squadre e successivamente ricoverato nell'ospedale Santa Caterina di Galatina. L'incontro è terminato con la vittoria del Lecce ai calci di rigore che si è così classificato per le finali nazionali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 
Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS