Cerca

Correa segna al 91' Taranto vola in alto

È Correa, in fondo ad una partita di difficoltà in parte previste, a tramutare il pareggio in vittoria, regalando agli ionici tre punti fondamentali nella rincorsa ai playoff della Prima Divisione di calcio. Piegata nel posticipo la puntigliosa resistenza della Cavese. Agganciato il quinto posto
• Foggia, torna la fiducia 
• Andria con il rammarico
• Potenza alza la voce
• Le squalifiche in Prima e Seconda Divisione
• Italia-Germania U20 allo Iacovone l'8/12
Correa segna al 91' Taranto vola in alto
TARANTO-CAVESE 1-0 

TARANTO: Bremec 6; Imparato 6 (26' st Lolli 6), Migliaccio 6, Viviani 6, Bolzan 5; Giorgino 6, Quadri 5, Mezavilla 4,5 (23' st Scarpa 6); Correa 6, Russo 6,5, Corona 5 (32' st Berretti 6). A disp. Barasso, Iraci, Prosperi, Falconieri. All. Brucato
CAVESE: Russo 6; Grillo 6, Cipriani 5,5, Farina 6, Bacchi 5,5; Maiorano 6 (42' st Cruz sv), Bacchiocchi 6; Tarantino 6,5 (32' st Scartozzi sv), Schetter 6, Favasuli 6; Bernardo 5 (11' st Varriale 5,5). A disp. Pane, Pozza, D'Orsi, Chirico. All. Maurizi.
ARBITRO: Di Francesco di Teramo
RETE: 41' st Correa
NOTE: spattatori 5760 per un incasso di 58.134,05 euro. Ammonito Bacchi della Cavese. Recupero: 2' pt. 4' st.

di LORENZO D'ALÒ

TARANTO - È Correa, in fondo ad una partita di difficoltà in parte previste, a tramutare il pareggio in vittoria, regalando al Taranto tre punti fondamentali nella rincorsa ai playoff. Piegata la puntigliosa resistenza della Cavese. Agganciato il quinto posto.

Si dissolvono gli ultimi dubbi di Brucato. Gioca Imparato al posto dello squalificato Calori. Motivazione plausibile: garantirsi maggiore spinta sulla fascia destra. La spunta Mezavilla nel ballottaggio teorico con Magallanes. Ma la novità più succosa è il baby Russo a tempo pieno. Scelta forte che presuppone il sacrificio di Scarpa. Scelta che ricollega idealmente il Taranto alla prova di Pescara e a quel gol malandrino. Si riparte da lì. La speranza, almeno, è questa. Non varia il modulo: 4-3-1-2. C'è Correa dietro le punte. La Cavese è nello schieramento annunciato. Bacchi rimpiazza l'appiedato Nocerino. Non cambia l’impianto: 4-2-3-1.

Picchia con insistenza con gli esterni la Cavese, alzando a turno Tarantino (a destra) e Favasuli (a sinistra). È pieno di titubanze l'avvio del Taranto, da squadra sorpresa dalla organizzata vitalità degli avversari. Brutto segnale. Non riesce a giocare il Taranto. E sono sintomatici i troppi lanci lunghi che spiovono dalla retrovie. Tocca così a Russo suonare la sveglia, assumendosi la responsabilità del primo dribbling prolungato.

Ora sembra che tutti gli occhi dello stadio siano addosso a questo fil di ferro del quartiere Paolo VI. Uno scricciolo di attaccante che prova a dare la scossa. E un po' il Taranto si scuote, trovando giovamento negli scatti e nei repentini cambi di direzione di Russo. Ma non basta perché è la Cavese a fare la partita, a riempirla di contenuti tattici e di spunti tecnici. Giocando di squadra: difesa alta, movimenti senza palla, inserimenti a tempo. È palpabile l'imbarazzo del Taranto che soffre ai lati e balla in mezzo, dove la manovra stenta a dipanarsi. Perché Quadri si libera troppo precipitosamente del pallone, Mezavilla si limita ad aggredire e Giorgino fa quello che la sua indole mediana gli consente.

Insomma, non c'è centrocampo. Ma nascono ugualmente situazioni propizie. Correa libera col tacco Corona che spara di poco fuori (33'). Imparato viaggia sulla destra, salta un avversario e piazza il destro, sul quale Russo è pronto (38'). Il primo è già un tempo morto. Minuti che trascorsi invano.

C'è più Taranto nella ripresa. Correa ha qualche idea da spendere. Bolzan si allunga sulla fascia. E Russo porta pericoli concreti nell'area campana: piatto impreciso (6') e sinistro velenoso (8'). La Cavese arretra. Brucato osa, inserendo Scarpa per Mezavilla. Si abbassa Correa. Oscilla il modulo (4-3-3). Lolli rimpiazza Imparato (risentimento muscolare). Brucato richiama Corona (macchinoso) e lancia Berretti. È l'ultima mossa. Attacca il Taranto. E al 41', dopo averlo sfiorato con Viviani, trova il gol vittoria con un colpo di testa di Correa, che chiude in porta un corner di Quadri. 


PRIMA DIVISIONE – GIRONE B – 12ª GIORNATA 

Andria - Giulianova 1-1 
Cosenza – Pescara 2-1 
Foggia - Rimini 3-0 
Ravenna – Pescina VdG 3-1 
Reggiana - Potenza 2-1 
Spal - Portogruaro 2-1 
Taranto – Cavese 1-0 
Verona - Real Marcianise 2-0 
Virtus Lanciano – Ternana 0-2 

CLASSIFICA: Verona 26 punti; Ternana 24; Pescara 23; Portogruaro 20; Ravenna, Cosenza, Taranto 18; Reggiana, Rimini 16; Spal 15; Cavese, Virtus Lanciano, Giulianova 13; Foggia*, Pescina 12; Andria 10; Potenza, Real Marcianise 9. *: Foggia un punto di penalizzazione 

PROSSIMO TURNO – 13ª GIORNATA – 15/11 – ORE 14.30 

Cavese - Potenza 
Giulianova - Reggiana 
Pescara – Verona 
Pescina VdG – Foggia 
Portogruaro – Taranto 
Real Marcianise – Andria 
Rimini - Cosenza 
Spal - Virtus Lanciano 
Ternana – Ravenna

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400