Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 20:19

Gallipoli piove sul bagnato il difensore Abbate operato

La botta rimediata col Frosinone nella serie B di calcio è stata davvero pesante. Per il ragazzo che ha rimediato una frattura allo zigomo sinistro. Per la squadra, che si dovrà privare per almeno un paio di settimane di un pilastro della difesa. L’arbitro Saccani lo ha fatto saggiamente sostituire dieci minuti dopo l’intervallo: la Tac cui si è sottoposto oggi il difensore ha confermato la rottura dell’osso facciale
Gallipoli piove sul bagnato il difensore Abbate operato
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - La botta rimediata alla mezzora del primo tempo è stata davvero pesante. Per il ragazzo, Matteo Abbate, che ha rimediato una frattura allo zigomo sinistro. Per la squadra, che si dovrà privare per almeno un paio di settimane di un pilastro della difesa. Ieri l’arbitro Saccani lo ha fatto saggiamente sostituire dieci minuti dopo l’intervallo: la Tac cui si è sottoposto oggi il difensore ha confermato la rottura dell’osso facciale. Questa mattina il calciatore di Orbetello sarà operato ad Acquaviva delle Fonti.

Un guaio per Giannini, che dovrà pensare ad un'alternativa alla roccia toscana per le prossime due gare contro Cittadella e Mantova (si spera nel recupero già per l’anticipo della 16esima giornata contro la Salernitana, in programma il 27 novembre). Naturale pensare a Luca Franchini, che ha ben sostituito Abbate nel secondo tempo contro il Frosinone. Soluzione che risulterebbe sufficiente nello schieramento a 4, con Pablo Antonio Pallante e Willy Pianu come alternative in panchina. È possibile il momentaneo accantonamento del progetto tattico che prevede la difesa a 3.

Novembre è un mese decisivo per la stagione degli jonici. I campi pesanti potrebbero mettere a nudo qualche defaillance dal punto di vista atletico, anche se la gara di sabato scorso ha detto il contrario. Superare positivamente il trittico di gare alle porte (Cittadella e Salernitana in trasferta e tra loro il Mantova in casa) sarebbe un ottimo viatico per affrontare con maggiore serenità Torino, Crotone e Reggina (programma di dicembre) ed arrivare alla pausa invernale con fieno in cascina. Tra Natale e Capodanno poi ci penserà il preparatore atletico Roberto Masiello a recuperare il tempo perso in estate (anche se a distanza di 20 giorni già si sentono gli effetti benefici dei richiami svolti tra il 3 e il 17 ottobre).

Per affrontare al meglio questo delicato periodo potrà contare su un uomo ritrovato, come Agustin Viana. Il centrocampista, che aveva ben impressionato nella prima parte del campionato, ha dovuto mordere il freno nel momento in cui D’Aversa è stato a disposizione: ha giocato titolare solo a Trieste e contro il Frosinone nelle ultime sette gare. Sabato scorso il centrocampista uruguaiano ha contribuito alla conquista della terza vittoria stagionale con una prestazione eclettica: interno ed esterno sinistro di centrocampo e per qualche minuto anche laterale difensivo: «Avevo giocato meno nell’ultimo periodo, ma non ho mai avuto alcun problema ad accettare le scelte dell’allenatore. Tantomeno ho sofferto la concorrenza con i compagni di squadra, a dimostrazione della bontà del nostro gruppo», ha detto dopo la vittoria col Frosinone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione