Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 05:55

Cras Taranto, serve l’impresa C'è l'Ekaterinburg da scalare

C'è un appuntamento storico per tutto il basket pugliese. Alle 20.30 (diretta su Rai Sport Più, canale 227) al PalaMazzola si gioca il primo match interno di Eurolega per le ioniche. È la prima volta che una squadra di basket femminile arriva a giocare la massima competizione continetale. E il sorteggio ha messo di fronte alle rossoblu il club campione di Russia in carica, che ha vinto l'Eurolega nel 2003
• B Dillettanti: Corato ha perso l’imbattibilità
Cras Taranto, serve l’impresa C'è l'Ekaterinburg da scalare
di ANGELO LORETO

TARANTO - C'è un appuntamento storico per tutto il basket pugliese questa sera a Taranto. Alle 20.30 (diretta su Rai Sport Più, canale 227) al PalaMazzola si gioca il primo match interno di Eurolega per il Cras Taranto. È la prima volta che una squadra di basket femminile arriva a giocare la massima competizione continetale. E il sorteggio ha messo di fronte alle rossoblu l'Ummc Ekaterinburg, il club campione di Russia in carica, che ha vinto l'Eurolega nel 2003 e corre per riconquistarla quest'anno, che ad aprile ha battuto lo Spartak Mosca per la Superleague europea e che guida il suo campionato con 5 vittorie in altrettante partite.

A questo si somma che il quintetto di Gundars Vetra, con giocatrici provenienti da cinque nazioni tra le quali la stella Wnba di Detroit Deanna Nolan, ha già vinto all’esordio, battendo Vilnius (85-56). Alla «prima» invece il Cras ha perso ad Istanbul contro il Galatasaray. Quindi per questa sera c'è in programma non solo l'appuntamento con la storia e con l'entusiasmo di un PalaMazzola che si preannuncia gremito, ma anche la necessità di cercare punti che rimettano la squadra di Roberto Ricchini in carreggiata nel girone.

Ottenere contro Ekaterinburg il primo successo della storia del Cras in Eurolega è il sogno di tutti. «Ma affrontiamo un gigante - ammette il tecnico piemontese - che però possiamo combattere imponendo il nostro gioco e puntando sulla nostra caratteristica migliore, quella del gioco corale».

Per stasera Ricchini dovrà fare come al solito a meno dei due play Zimerle e Gianolla, attese in campo non prima di dicembre. La squadra sarà affidata a Wambe, mentre non ci dovrebbero essere problemi a recuperare le influenzate Montagnino e Greco. Loro e le altre, Brunson, Mahoney, Siccardi, David, Giauro, Godin e Prado, sono chiamate all’impresa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione