Cerca

Petacchi, cinquina al Giro d'Italia

Lo spezino ha vinto in volata anche la 10ªa tappa, la Porto S.Elpidio-Ascoli Piceno di 146 km. Dietro di lui un ottimo Zanotti. Cunego conserva la maglia rosa. Domani 11ª frazione, da Porto S.Elpidio a Cesena di 228 km. Dopo Cipollini, anche Quaranta si ritira a seguito di una caduta
ASCOLI PICENO - Pokerissimo ad Ascoli Piceno. Alessandro Petacchi centra nelle Marche questo obiettivo, che va ad aggiungersi ai tanti numeri che il ciclista spezzino della Fassa Bortolo sta andando a collezionare di giorno in giorno. Intanto aver vinto cinque tappe su dieci fin qui disputate significa aver fatto da solo metà dell'intero bottino ed il rammarico può starci pensando alle sconfitte patite su Mc Ewen e Rodriguez. Quella di Petacchi è la 12esima vittoria stagionale personale, l'11esima in due stagioni al Giro (sei lo scorso anno, cinque già in quest'edizione). Insomma, un monumentale cammino che colloca Petacchi fra i velocisti più forti degli ultimi anni.
Il portacolori della Fassa Bortolo ha tagliato il traguardo battendo le mani e voltandosi indietro: tributo alla squadra, che lo ha pilotato con grande maestria malgrado su un paio di salitelle di giornata Petacchi abbia avuto qualche leggero problema. Probabilmente frutto della giornata di riposo di ieri, che per alcuni potrebbe avere fatto più male che bene. Tutto sommato, ha fatto bene a Petacchi che si è presentato bene sul traguardo di Ascoli ed ha piazzato la zampata vincente facendo l'intera volata a bocca aperta e quasi a 70 km all'ora. Ha dovuto dare tutto davvero fino all'ultimo. Dietro di lui un ottimo Zanotti, che ha lottato per mantenere la propria posizione nella fase finale della gara e considerando che davanti lo ha anticipato il solo Petacchi ha fatto un ottimo risultato.
La tappa l'hanno fatta sette corridori in fuga per buonissima parte della giornata. Hamburger (Acqua&Sapone), Pospyeyev (Acqua&Sapone), Righi (Lampre), Muraglia (Formaggi Pinzolo Fiavè), Illiano (Colombia Selle Italia), Wegmann (Gerolsteiner) e Zaugg (Saunier) sono rimasti in fuga per oltre 100 km, raggiungendo anche un vantaggio di oltre 3'. Troppo poco perché la Fassa Bortolo, aiutata anche dalla Saeco e dalla Tenax, ha sempre controllato la corsa, non lasciando molto spazio ai fuggitivi, che infatti sono stati ripresi a 10 km dalla conclusione. A quel punto è stato il solito Bradley Mc Gee, movimentatore dei finali, a prendere il largo anche se più che altro si è trattato di una prova in vista della crono di Trieste. Da segnalare il ritiro (non partiti) di Faresin, Vaitkus e Strazzer e l'abbandono in corsa, a seguito di una caduta, da parte di Ivan Quaranta. Fuori gioco Cipollini e Quaranta, per Petacchi la strada è sempre più in discesa.

Ordine d'arrivo della decima tappa del Giro d'Italia, Porto S.Elpidio-Ascoli Piceno di km 138

1) Alessandro Petacchi (Ita/Fassa Bortolo) in 3h24'17" alla media oraria di km 40,531 (abbuono 20")
2) Marco Zanotti (Ita) s.t. (abb. 12")
3) Andris Naudusz (Let) s.t. (abb. 8")
4) Magnus Backstedt (Sve) s.t.
5) Alejandro Alberto Borrajo (Arg) s.t.
6) Jan Svorada (Cec) s.t.
7) Alexandre Usov (Bie) s.t.
8) Olaf Pollack (Ger) s.t.
9) Simone Cadamuro (Ita) s.t.
10) Manuele Mori (Ita) s.t.
11) Marlon Perez Arango (Col) s.t.
12) Fred Rodriguez (Usa) s.t.
13) Johan Verstrepen (Bel) s.t.
14) Nicola Loda (Ita) s.t.
15) Robbie McEwen (Aus) s.t.
16) Philippe Gilbert (Bel) s.t.
17) Denys Kostuk (Ucr) s.t.
18) Uros Murn (Slo) s.t.
19) Cristian Moreni (Ita) s.t.
20) Robert Forster (Ger) s.t.
22) Yaroslav Popovych (Ucr) s.t.
23) Stefano Garzelli (Ita) s.t.
24) Franco Pellizotti (Ita) s.t.
28) Serguei Honchar (Ucr) s.t.
32) Damiano Cunego (Ita) s.t.
33) Tadej Valjavec (Slo) s.t.
37) Giuliano Figueras (Ita) s.t.
52) Bradley McGee (Aus) s.t.
53) Dario David Cioni (Ita) s.t.
56) Gilberto Simoni (Ita) s.t.
74) Igor Astarloa (Spa) s.t.
153) Rubens Bertogliati (Svi) a 13'32"

Partiti 155, arrivati 153. Non partiti: Massimo Strazzer (Ita), Gianni Faresin (Ita), Tomas Vaitkus (Lit). Ritirati: Ivan Quaranta (Ita), Freddy Bichot (Fra).

Classifica generale dopo la decima tappa del Giro d'Italia (percorsi km. 1.748,9)

1) Damiano Cunego (Ita/Saeco) in 45h23'32" alla media oraria generale di km 38,528
2) Gilberto Simoni (Ita) a 10"
3) Franco Pellizotti (Ita) a 28"
4) Yaroslav Popovych (Ucr) a 40"
5) Giuliano Figueras (Ita) a 52"
6) Stefano Garzelli (Ita) a 1'15"
7) Andrea Noè (Ita) a 1'17"
8) Serguei Honchar (Ucr) s.t.
9) Dario David Cioni (Ita) a 1'19"
10) Eddy Mazzoleni (Ita) a 1'29"
11) Wladimir Belli (Ita) a 1'52"
12) Sven Montgomery (Svi) a 1'56"
13) Bradley McGee (Aus) a 1'58"
14) Tadej Valjavec (Slo) a 2'27"
15) Cristian Moreni (Ita) a 2'32"
16) Emanuele Sella (Ita) a 2'34"
17) Gerhard Trampusch (Aut) a 2'42"
18) Christophe Brandt (Bel) a 3'11"
19) David Canada Gracia (Spa) a 3'15"
20) Juan Manuel Garate Cepa (Spa) a 3'17"
44) Igor Astarloa (Spa) a 12'23"
73) Alessandro Petacchi (Ita) a 33'07"
124) Magnus Backstedt (Sve) a 55'25"
153) Dean Podgornik (Slo) a 1h45'55"

CLASSIFICA A PUNTI GENERALE (MAGLIA CICLAMINO)

1. Alessandro Petacchi (Ita, Fassa Bortolo) 150 punti
2. Olaf Pollack (Ger, Gerolsteiner) 86 p.
3. Marco Zanotti (Ita, Vini Caldirola) 85 p.
4. Robbie McEwen (Aus, Lotto-Domo) 81 p.
5. Damiano Cunego (Ita, Saeco) 70 p.

CLASSIFICA GPM GENERALE (MAGLIA VERDE)

1. Damiano Cunego (Ita, Saeco) 28 punti
2. Fabian Wegmann (Ger, Gerolsteiner) 23 p.
3. Gilberto Simoni (Ita, Saeco) 16 p.
4. Alexandre Moos (Svi, Phonak) 14 p.
5. Franco Pellizotti (Ita, Alessio-Bianchi) 12 p.

CLASSIFICA INTERGIRO (MAGLIA AZZURRA)

1. Crescenzo D'Amore (Ita, Acqua&Sapone) 27h54'46"
2. Marlon Perez Arango (Col, Colombia-Selle Italia) a 16"
3. Aart Vierhouten (Ola, Lotto-Domo) a 18"
4. Mariano Piccoli (Ita, Lampre) a 19"
5. Robert Forster (Ger, Gerolsteiner) a 23"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400