Cerca

Bari battuto a Parma da due prodezze

Cronaca della partita 
Nella decima giornata della serie A di calcio, i biancorossi sprecano nel primo tempo un occasione d'oro con Kutuzov (33') e nella ripresa finiscono per capitolare per 2-0. Gli emiliani segnano al 59' (primo tiro in porta) con il nuovo entrato Bojinov, ex del Lecce, e al 66' con Paloschi
• I risultati: vincono Livorno e Bologna
• La classifica: Bari, + 5 sulle terz'ultime
• I cannonieri: Pazzini rincorre Di Natale
• Il prossimo turno: Sampdoria-Bari
Bari battuto a Parma da due prodezze
PARMA - La sfida fra le neopromosse che sognano nelle zone alte della classifiche finisce nelle mani del Parma grazie alle prodezze di Valeri Bojinov ed Alberto Paloschi. In una partita che ha regalato poche emozioni solo i lampi di genio dei due attaccanti emiliani fanno la differenza, anche se i padroni di casa, soprattutto nel secondo tempo, hanno mostrato le cose migliori, fermando il Bari, incapace di reagire al doppio vantaggio avversario.

Il Parma vince nonostante sia incerottato all'incontro del Tardini per colpa di un virus gastrointenstinale che da domenica in poi ha praticamente colpito gran parte del suo spogliatoio. Alla fine a dare forfait è solo Paci, ma anche Antonelli, Pavarini, Castellini, Lunardini e Mirante hanno rischiato di rimanere fuori. Il turn over di Guidolin è dettato così anche dall'influenza anche se il tecnico conferma il modulo 3-5-2 con le novità Dellafiore in difesa, Antonelli sulla fascia sinistra e al centro Lunardini. In attacco ritorna Paloschi dal primo minuto con al fianco l'ex Lanzafame, Bojinov e Amoruso partono dalla panchina. Anche Ventura lascia in panchina due pezzi pregiati del suo spogliatoio: Barreto e Almiron entreranno solo nella ripresa senza cambiare volto e gioco alla squadra.

In attacco ci sono Meggiorini ed un fischiatissimo dai suoi ex tifosi Kutuzov; il primo non punge, il secondo ha un'occasione d'oro nel primo tempo e non ne approfitta. Non pervenuto Allegretti, poche giocate da Alvarez e Donati. Il primo tempo non regala gol, tantomeno emozioni. Le squadre si temono, il Bari non spinge come al solito sulle fasce ed il Parma prova a fare male solo con le iniziative di Paloschi, sempre pronto a pressare sul portatore di palla. Le difese soffrono poco, solo gli emiliani al 33' rischiano di subire ma per una deviazione involontaria di Lunardini che lancia in area Kutuvov; il bielorusso però è chiuso da Mirante e, dal fondo, trovo pronto Antonelli che respinge sulla linea. Gli applausi del Tardini nella prima frazione di gioco, vanno tutti, al 22', all'indirizzo di Parisi. Il difensore del Bari, dopo che l'arbitro aveva assegnato (sbagliando platealmente) una rimessa laterale ai pugliesi, con un grande gesto di fair play mette la palla sul fondo nonostante la posizione pericolosa a ridosso dell'area di rigore. La partita non regala più nulla sino al 7' della ripresa quando Guidolin e Ventura cambiano volto alle loro squadre. Il Bari getta nella mischia Almiron per Allegretti, gli emiliani rispondono con Dzemaili e Bojinov per Galloppa e Lanzafame. Il doppio cambio del Parma decide l'incontro.

Al 13' Dzemaili anticipa Gazzi a centrocampo e tocca per Morrone che subito smista sulla trequarti per Bojinov, il bulgaro ha spazio per girarsi e fa partire un bolide di sinistro che si insacca potente nel sette alla destra di Gillet. Barreto al posto di Kutuzov è la risposta di Ventura al vantaggio emiliano, ma i padroni di casa mettono al sicuro il risultato pochi minuti più tardi. Al 21' Paloschi riceve al limite, si libera di Ranocchia e batte il portiere con uno tiro di prima intenzione che finisce nell'angolino basso a sinistra. Sul 2-0 il Parma addormenta la partita limitandosi a controllare l'iniziativa avversaria. Filippo Antonelli, fuori Alvarez, è l'ultima chance dei pugliesi che pungono al 46' solo con una punizione di Almiron che si spegne di poco a lato. Finisce cos 2-0, il Parma vola in quarta posizione, il Bari arretra in classifica ma il suo avvio di campionato resta da incorniciare, soprattutto per le reti subite, solo sette in dieci giornate. Niente male per due neopromosse che pensavano e pensano solo alla salvezza.


PARMA (3-5-2): Mirante 6.5; Dellafiore 6, Panucci 6, Lucarelli 6.5; Zaccardo 7, Morrone 6, Lunardini 6.5, Galloppa 5.5 (7' st Dzemaili 6), Antonelli 6.5 (12' st Castellini 6.5); Lanzafame 5.5 (7' st Bojinov 7), Paloschi 7. In panchina: Pavarini, Zenoni, Budel, Amoruso. Allenatore: Guidolin 6.5. BARI (4-4-2): Gillet 5.5; Masiello 5.5, Ranocchia 6, Bonucci 5.5, Parisi 6; Alvarez 5 (22'st Antonelli sv), Donati 6, Gazzi 5, Allegretti 6 (7'st Almiron sv); Meggiorini 5, Kutuzov 5.5 (16'st Barreto 6). In panchina: Padelli, Diamoutene, Barreto, Masiello, Stellini. Allenatore: Ventura 5.5.
ARBITRO: Baracani di Firenze 6,5
RETI: 14'st Bojinov, 21'st Paloschi.
NOTE: serata umida, terreno in buone condizioni, spettatori 16.012 (tra cui 898 tifosi ospiti) per un incasso di 150.151 euro. Angoli 2-2. Ammoniti Panucci, Gazzi, Mirante. Recupero: 2'; 4'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400