Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 12:29

Bari-Lazio alle 15 esame di maturità Diretta della partita

Dopo Verona e prima della doppia trasferta targata Parma-Genova (Samp), oggi pomeriggio nel fango del San Nicola la squadra di Ballardini dovrà certificare i progressi di un Bari che si è accoccolato al nono posto nella seroe A di calcio e si gode il sole dell’alta classifica. E c’è, pure, molta curiosità. Perché i biancorossi formato interno, pur fornendo prestazioni più o meno positive, hanno raccolto poco
Bari-Lazio alle 15 esame di maturità Diretta della partita
di Fabrizio Nitti

BARI - Dopo Verona e prima della doppia trasferta targata Parma-Genova (Samp). C’è la Lazio, oggi pomeriggio nel fango del San Nicola. C’è la Lazio di Ballardini a certificare i progressi di un Bari che si è accoccolato al nono posto e si gode il sole, per modo di dire, dell’alta classifica. E c’è, pure, molta curiosità. Perché il Bari formato interno, pur fornendo prestazioni più o meno positive, ha raccolto poco in funzione del numero delle partite giocate qui al San Nicola e soprattutto degli avversari affrontati. Vediamo, allora, se sulla scia del prezioso successo in casa del Chievo, il Bari è davvero cresciuto nella gestione delle partite interne, se i biancorossi riusciranno a invertire il trend dopo aver spezzato il digiuno in trasferta.

La Lazio sembra l’avversario adatto alle esigenze della banda di Ventura: non si chiuderà come hanno fatto Bologna o Catania ad esempio, proverà a fare la partita sulla scorta di un tasso tecnico elevatissimo, lascerà qualche spazio in più, nel quale dovranno germogliare le ripartenze biancorosse. Per il Bari potrebbe esssere la prima «trasferta in casa».

«Abbiamo i mezzi per fornire una grande prestazione - dice Ventura -. Avremo di fronte una squadra con tanta qualità. Penso però con molta umiltà che anche il mio Bari potrà creare dei problemi ai biancazzurri. Il mio motto è sempre lo stesso: se vogliamo, possiamo. Loro hanno elementi importanti, su tutti Zarate: se fossi il presidente del Barcellona, il primo giocatore che acquisterei sarebbe proprio l’argentino. Ve li immaginate Messi da una parte e Zarate dall’altra? Un’accoppiata fenomenale. Se fornissimo una grande prestazione sarei pronto a firmare anche per il pareggio - ha aggiunto il tecnico ligure - ma sicuramente andremo in campo per giocarcela. E speriamo che il tempo volga al meglio, così da poterci godere lo spettacolo».

«Per me la Lazio è stata un po’ una sorpresa ultimamente - dice Ventura -. Ballardini ha cambiato spesso modulo e questo, al momento, non mi consente di fare scelte precise. Preferisco aspettare, anche i miei calciatori sanno che tutto sarà deciso pochi minuti prima delle 15. E quindi tutti sono in preallarme».

formazione praticamente fattaKutuzov ed Almiron. L'attaccante bielorusso, in panchina contro il Chievo, verrà preferito a Barreto in condizioni fisiche non ottimali. Il brasiliano, debilitato dai postumi dell’influenza, andrà in panchina. Kutuzov farà coppia con Meggiorini, con il quale ha già giocato sia con il Bologna in casa che nella trasferta di Palermo.

Conferma invece per il centrocampista ex juventino Almiron, nonostante il recupero di Gazzi (troverà posto in panchina e magari tornerà utile nel corso del match, visto il campo pesante che si prospetta). Il «rosso» è in fase di recupero completo dopo lo stop per l’influenza, sarà titolare a Parma mercoledì sera. Per l’argentino, autore del gol del vantaggio a Verona domenica scorsa, la possibilità di crescere sotto l’aspetto della condizione e della autonomia. Al suo fianco Donati, protagonista di un avvio di stagione senz’altro positivo.

Resta, però, un altro interrogativo, sempre per quanto riguarda il reparto di centrocampo, ed è qui che si inseriscono i pensieri. Una maglia è in bilico, se la contendono in tre. Allegretti, Langella ed il giovane Koman si giocano il posto sulla fascia sinistra. Il favorito sembra Allegretti, ma il tecnico deciderà soltanto all’ultimo momento, in funzione di quello che sarà lo schieramento della Lazio. In difesa tutto chiaro: giocano i soliti quattro, i due Masiello sulle fasce (Andrea a destra, Salvatore a sinistra), Ranocchia e Bonucci in mezzo.

Fra i convocati c’è anche Parisi, bloccato da un infortunio fin dal secondo turno di campionato: il terzino dovrebbe tornare titolare a cavallo delle due trasferte consecutive di Parma e Genova. fuori causa Greco. Durante il test di rifinitura l’attaccante si è procurato una lieve distorsione al ginocchio destro. Indisponibili gli infortunati Rivas, Donda e Sforzini. De Vezze, Kamata, Antonelli, Diamoutene, lavoreranno questa mattina a parte: Ventura ha deciso di tenerli in caldo per Parma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione