Cerca

Nuoto - L'Italia chiude con due argenti e tre bronzi

Nei 400 metri misti Luca Marin secondo e Alessio Boggiatto terzo. Piazza d'onore anche per Paola Cavallino nella finale dei 200 farfalla. Gradino più basso del podio per Alessandra Cappa nei 50 dorso e per Lorenzo Vismara nei 50 metri sl. La spedizione a Madrid ha portato 25 medaglie: 8 ori, 5 argenti e 12 bronzi
MADRID - Anche l'ultima giornata dei campionati Europei di nuoto ha visto l'Italia protagonista. Gli azzurri hanno incamerato altre cinque medaglie (2 d'argento e 3 di bronzo) che portano a 25 il bottino completo di medaglie che sbriciola il già prestigioso record ottenuto a Berlino 2002, quando le medaglie furono «solo» 21.
La squadra azzurra saluta Madrid con una dimostrazione di compattezza e versatilità che non ha precedenti. A parlare sono i risultati di oggi con Alessandra Cappa che conquista il bronzo nella gara dei 50 dorso limando il suo primato personale e nuotando in 29"28; con Paola Cavallino che corona una carriera cui mancava l'acuto vero assicurandosi la medaglia d'argento nei 200 farfalla con il bel tempo di 2'09"27; con il giovane Luca Marin che debutta nel nuoto internazionale fregiandosi di una significativa medaglia d'argento nei 400 misti. Sul podio di questa specialità, Marin trova il compagno di squadra Alessio Boggiatto a fargli bella compagnia con la medaglia di bronzo. Al traguardo è un solo centesimo di secondo a separare i due azzurri: 4'14"31 contro 4'14"32. Poco è mancato che si ripetesse la stessa accoppiata dei 200 stile libero, quando furono Rosolino e Magnini a salire sul terzo gradino del podio con lo stesso identico tempo.
Un bronzo prestigioso è stato quello portato a casa da Lorenzo Vismara nella gara veloce dei 50 sl dominata dal fuoriclasse russo Alexander Popov. 22"32 il tempo dello zar contro i 22"45 dell'azzurro, a soli 3 centesimi da quello dello svedese Stefan Nystrand, che ha preso l'argento con 22"42.
Ha concluso l'esperienza spagnola con un significativo quarto posto la staffetta 4X100 mista donne che ha cancellato l'antico primato (Strasburgo 1987) di 4"10, fissandolo a 4'07"79, un record sicuramente migliorabile a breve scadenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400