Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 18:40

Judo - Lepre campione d'Europa nei 90 kg

A Bucarest ha superato se stesso battendo in finale il campione olimpico olandese Huzinga. La giornata conclusiva ha riservato all'Italia anche l'argento di Morico nei 78kg donne e il bronzo di Monti nei 100kg uomini. Sono 16 gli azzurri qualificati alle Olimpiadi, record assoluto di partecipazione
BUCAREST - Si chiudono i Campionati Europei di judo e l'Italia di Vittoriano Romanaci e dei suoi collaboratori Mariani, Gamba, Rosati e Vismara brinda alle qualificazioni olimpiche di Francesco Lepre (FF.GG.- 90kg) e, sul sofferto filo dal rasoio, di Barbara Andolina (Mirandolina Prato +78kg). Salgono così a nove i judoka qualificati ad Atene (oltre ai citati, anche Pina Macrì, Cinzia Cavazzuti, Ylenia Scapin, Lucia Morico, Roberto Meloni, Michele Monti, Paolo Bianchessi) che si aggiungono ai sette lottatori, per un totale di 16 qualificati della Fijlkam, record assoluto di partecipazione.
Francesco Lepre, che aveva il compito minimo di difendere il suo settimo posto nel ranking europeo (promossi ai Giochi i primi nove), ha superato se stesso ed ogni ottimistica previsione. Aggiudicandosi il titolo europeo dei 90 chili il finanziere romano (di padre napoletano e di madre polacca) ha messo tutti a tacere, con la qualificazione di diritto. Per giungere all'oro di Bucarest, ha superato in finale il campione olimpico Mark Huzinga, capitano pilota di reattori nell'aviazione olandese, e prima ha battuto, nell'ordine, il portoghese Moraia, il romeno Brata al golden score, il turco Yilmaz e l'ucraino Orekov.
Barbara Andolina aveva bisogno di qualche punto prezioso per passare dal sesto al quinto posto nel ranking: c'è riuscita classificandosi quinta, risultato ottenuto soprattutto con il successo iniziale sulla temibile francese Mondiere e, nella fase cruciale dei ripescaggi, sulla polacca Koziol.
La giornata conclusiva degli europei ci riserva anche il prestigioso argento di Lucia Morico nei 78kg; il bronzo del capitano Michele Monti nei 100kg, al termine di un ottimo torneo che lo ha visto protagonista assoluto. Infine un quinto posto di Paolo Bianchessi fra i massimi, dopo una partenza bruciante che lo ha visto infliggere severi ippon all'israeliano Kordon, al polacco Eitel e soprattutto al gigantesco spagnolo Ruano, con un ippon di sasae-tsuri- komi che ha proiettato sul tatami i 170 chili dell'avversario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione