Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 06:16

Gallipoli, mal d’attacco Di Gennaro fiducioso 

C’è da risollevare un attacco in astinenza da 395 minuti nella serie B di calcio: i tifosi giallorossi sperano che l’aria da derby «guarisca» la coppia-gol titolare, Di Gennaro-Ginestra, autrice finora di appena 3 gol sui 7 totali siglati dagli jonici. Contro il Lecce, sabato rientra il capocannoniere della squadra, autore finora di due reti ma a secco ormai un mese (20 settembre, gol dello 0-2 nel pareggio di Vicenza)
• Tifosi insieme: è il derby dell'amicizia
Gallipoli, mal d’attacco Di Gennaro fiducioso 
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Non resta che confidare nel potere taumaturgico del derby. C’è da risollevare un attacco in astinenza da 395 minuti: i tifosi giallorossi sperano che l’aria da derby «guarisca» la coppia-gol titolare, Di Gennaro-Ginestra, autrice finora di appena 3 gol sui 7 totali siglati dagli jonici.

Contro il Lecce, sabato rientra il capocannoniere della squadra di Beppe Giannini, Francesco Di Gennaro. Autore finora di due reti, tra cui la storica prima marcatura nel campionato di serie B (ad Ascoli il 21 agosto), l’attaccante napoletano è l’ultima delle cinque punte in organico ad aver provato la gioia del gol: è passato ormai un mese (20 settembre, gol dello 0-2 nel pareggio di Vicenza). «Spero che contro il Lecce sia la volta buona per sbloccarmi», ammette Di Gennaro. «Noi attaccanti ci alleniamo con la massima concentrazione durante la settimana con un unico obiettivo: fare gol il sabato. A volte ci riusciamo, a volte no. L’importante è che non venga mai meno l’impegno che mettiamo a disposizione della squadra».

A Trieste un piccolo problema al ginocchio destro gli ha consentito di riposare dopo aver tirato la carretta per otto partite filate: «Fisicamente sto benissimo e mi sto allenando bene. Per cui se non riesco a segnare non è un problema atletico. Deve capitare la palla giusta al momento giusto, così faremo questo benedetto gol. Ora dobbiamo solo pensare a fare una buona prestazione e il risultato verrà da sé».

Contro il Lecce i giocatori del Gallipoli vedranno il Via del Mare, se non stracolmo di gente, sicuramente molto più affollato rispetto ai loro impegni casalinghi: «Penso che per noi sarà un’accoglienza speciale, visto che non siamo abituati a una certa affluenza di pubblico. Sarà una bella partita: il Lecce è un’ottima squadra, che ha tradizione ed una società organizzata alle spalle. Noi non dobbiamo dimenticare che cosa abbiamo passato questa estate: non è un alibi, piuttosto il ritardo di preparazione è storia. Cercheremo di fare la nostra solita gara, magari con un pizzico di fortuna in più».

Da più pati si invoca un derby all’insegna della festa. Lo ha fatto ieri l’ex presidente Vincenzo Barba (che è arrivato ad ipotizzare nel prossimo futuro la possibilità di fondere le due società sotto il nome di Salento Calcio), gli fa eco il capitano della squadra: «Abbiamo parlato spesso in questi giorni nello spogliatoio del clima che si respira intorno a questa partita. Noi calciatori teniamo molto all’ambiente che circonda le partite: vorremmo che la gente venisse allo stadio solo per divertirsi. Sta alle due squadre contendersi i tre punti».

Ieri sono stati comunicati i prezzi dei biglietti per assistere alla prima «strasalentina» di B: sono previsti sconti per donne, bambini tra i 6 e i 12 anni, ragazzi tra i 12 ed i 18 anni e over 65. I tagliandi sono acquistabili nel circuito Lottomatica fino alle 19 di venerdì.

Oggi è prevista la firma del contratto del nuovo responsabile del settore giovanile del Gallipoli: come annunciato la scelta è ricaduta su Sergio Mello, che ha alle spalle sei anni di collaborazione nel vivaio del Lecce (dove ha curato le categoria Pulcini ed Esordienti dai tempi di Corvino, passando per Dimitri e Minguzzi) e quasi 20 anni da coordinatore tecnico di una importante scuola calcio del capoluogo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione