Cerca

Riscatto Basket Brindisi è Crispin il trascinatore

Nella terza di Legadue, sistemati i collegamenti colpiti dal black-out di domenica scorsa, l’Enel torna ad assaporare il gusto della vittoria stroncando l’Assigeco sulla scia dei devastanti arcobaleni da tre di Crispin (10/10), autentico mattatore della serata. E’ il play di Brindisi l’incubo dei rossoblu. A partire dal secondo periodo (quando infila un 7/7 da urlo) riesce a trovare angoli quasi impossibili da distanze siderali
• A1 donne: Taranto passeggia a Livorno
Riscatto Basket Brindisi è Crispin il trascinatore
Casalpusterlengo-Enel Brindisi 82-92

CASALPUSTERLENGO Rullo 15 (3/4; 3/6), Hatten 17 (3/8; 2/3), Hallen 18 (7/7; 1/2), Wojciechowski 6 (3/3), Ostler 13 (2/4; 3/7), Castelli 7 (2/3 da tre), Cazzaniga 4 (2/3), Simoncelli 2, Cutolo. N.e. Biligha. All. Lottici.
BRINDISICrispin 39 (1/7; 10/10), Maresca 14 (4/6; 1/3), Thomas 19 (5/11; 1/3), Radulovic 15 (6/7; 1/2), Bryan 2 (1/6); Infante 3 (1/2), Pinton, Cardinali. N.e. Malagoli, Coviello. All. Perdichizzi.
ARBITRIProvini di Campoformido, Federici di Roma e Ciano di Vicopisano.
parziali17-21; 37-46; 55-67, 82-92.
NOTE - Tiri liberi: Casalfusterlengo 9/15; Brindisi 17/22. Tiri da due: Casalfusterlengo 20/29; Brindisi 18/39. Tiri da tre: Casalfusterlengo 11/25; Brindisi 13/19. : Spettatori 1.900 circa.
LODI - Sistemati i collegamenti colpiti dal black-out di domenica scorsa, l’Enel Brindisi torna ad assaporare il gusto della vittoria stroncando l’Assigeco sulla scia dei devastanti arcobaleni da tre di Joe Crispin (10/10), autentico mattatore della serata. E’ il play di Brindisi l’incubo dei sogni difensivi rossoblu. Simone Lottici può studiare tutti i raddoppi possibili sul “pick&roll” per limitare le giocate dei lunghi pugliesi e dare pressione ai piccoli; Crispin, a partire dal secondo periodo (quando infila un 7/7 da urlo) riesce a trovare angoli quasi impossibili da distanze siderali per bruciare la retina lodigiana.

Rullo non mette subito il ritmo, l’ex Hatten è guardato a vista, Brindisi sfrutta migliori spaziature e una buona transizione per prendere l’inerzia (2-12 al 4', 8-15 al 6') caratterizzata dalle folate di Thomas (6/14 al tiro, 5 rimbalzi) e da una buona attenzione difensiva che strangola il gioco perimetrale dei lodigiani (0/6 da tre). Quelli dell’Assigeco sintonizzano meglio l’intensità difensiva e la lunghezza d’onda delle esecuzioni in attacco. Aggressività e determinazione, spese con continuità, sono le uniche opzioni che i lodigiani possono sfruttare per frenare l’impatto fisico e tecnico che Brindisi mette sul parquet. L’unico a non soddisfare appieno coach Perdichizzi è Ryan (4 rimbalzi), inciampato in troppi errori, alcuni banali.

I ragazzi di Lottici spingono parecchio nel secondo periodo con le giocate di Hatten (3/8 da due, 2/3 da tre, 9 rimbalzi, 4 assist) e Ostler (5/11 dal campo) per assaporare il gusto del primo e unico vantaggio: 25-24 al 2'. L’aggressività lodigiana paga, Brindisi si mette completamente nelle mani di Joe Crispin, devastante nel tiro da oltre l’arco. Non la mette quasi mai da due (1/7) il play del New Jersey, ma quando si alza da ben oltre l’arco sono dolori per l’Assigeco.

Recitando la tabellina del tre Crispin smorza gli sforzi dell’Assigeco (28-35 al 6', 33-41 all’8') sempre di rincorsa anche nel terzo quarto: 40-50 al 2', 55-64 all’8'. Mettendo più rapidità in transizione, i lodigiani giocano palla con più efficacia in attacco. Il tiro da tre entra così con maggiore frequenza, Newell e Ostler spingono i rossoblu sul 53-54 del 5'. In questo frangente Brindisi fa capire di essere una squadra. Perdichizzi ha avuto poco dalla panca in termini di punti (3 di Infante), sono Radulovic (7/9, 4 rimbalzi), Maresca (5/9, 6 recuperi) e Thomas a finalizzare i giochi pugliesi. Castelli finalizza un paio di giocate (73-78 a 3' dalla fine) l’Assigeco si rifà sotto. Chi se non Crispin può trovare il modo giusto per non correre rischi nel finale? Una grossa mano la da Radulovic con un tap in fondamentale (73-80 a 2.31”), il resto dei possessi passa per le mani di Crispin che termina fra gli applausi.

Luca Mallamaci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400