Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 08:21

Cras a Livorno nel secondo turno «Ci sono i numeri per rivincere»

La guardia Greco alla vigilia della partita di A1 femminile di basket: « Ma dobbiamo rispettare le avversarie, che tra le mura amiche, specie nel primo match interno, possono diventare pericolose». Inizio del match fissato domani alle 18 al PalaMacchia. Per la prima volta nella storia un match del massimo campionato sarà trasmesso in diretta da una rete locale. Studio 100 Tv, partner del club campione d’Italia
Cras a Livorno nel secondo turno «Ci sono i numeri per rivincere»
TARANTO -  «Il Cras ha numeri e voglia per centrare il secondo successo in campionato. Ma dobbiamo rispettare Livorno, che tra le sue mura, specie nel primo match interno, può diventare una squadra pericolosa». Alla vigilia della seconda partita di campionato, è la guardia Michelle Greco ad “avvertire” le sue compagne sulle insidie del match fissato domani alle 18 al PalaMacchia di Livorno contro la Women che, dopo la salvezza ai playout della passata stagione, ha rivoluzionato il gruppo, che una settimana fa ha perso nettamente contro il robusto Venezia. Per la prima volta nella storia, un match di A1 di basket femminile sarà trasmesso in diretta da una rete locale. Studio 100 Tv, emittente media partner del club campione d’Italia, attraverso il suo canale in chiaro, offrirà un servizio prezioso ai tanti appassionati. 

GRECO: SIAMO POSITIVE - Con il play puro Anna Zimerle ferma ancora ai box per noie fisiche, con l’indisponibilità di Kathy Wambe che lamenta noie muscolari e con la mancanza del play numero 2 Angela Gianolla che punta a ritrovare le partite dopo metà novembre, c’è l’emergenza-regia in casa Cras. «Greco e Siccardi sono le alternative a disposizione, che ho sfruttato in Supercoppa e che utilizzerò anche a Livorno. Sono carte buone, che utilizzeremo col fine di far girare la squadra. L’obiettivo è ovviamente la vittoria» sentenzia Roberto Ricchini. Il coach piemontese chiede a Greco di “sdoppiarsi”. Lei che nella passata stagione ha fatto malissimo alle avversarie, contribuendo allo scudetto come guardia, ora deve forzatamente recitare anche la parte del play. «E’ un compito gravoso – ammette la cestista di Los Angeles – perché in questa maniera in certi momenti dei match viene meno la mia incisività di guardia libera di agire. Ma è un ruolo che interpreto spontaneamente per la squadra, assieme a Siccardi. E’ indispensabile che ci sia una “mente” che ordini il gioco, perché nel Cras è fondamentale il collettivo, che ha bisogno di dritte tattiche per portare a casa il successo».

Secondo Greco il Cras che ha impattato magicamente la stagione, vincendo la Supercoppa e superando al debutto in A1 Como col +24, «sta già bene mentalmente ed ha iniziato a costruire un’altra importante annata. E’ chiaro che, con il recupero dei play, ed il perfetto inserimento della nuove nel gioco, la squadra crescerà di molto». Ed il Livorno secondo Greco? «Una squadra che va rispettata. Non dobbiamo pensare che è stata battuta nettamente da Venezia. Per vincere dobbiamo giocare da Cras».

L’ORGOGLIO DELLA WOMEN - Sei pedine cambiate rispetto alla scorsa stagione, ma la solita caratteristica: “L’agonismo, indispensabile per superare i momenti difficoltà in un campionato ad alta concorrenza tecnica”. Questa l’identità della Women Livorno, tracciata da Cinzia Piazza, l’unico coach donna dell’A1 femminile. Toccò proprio all’ex giocatrice pisana, nell’ultima giornata della stagione regolare, rimettere assieme i cocci di un gruppo che rischiava di naufragare. La salvezza, obiettivo dell’allora matricola che aveva ereditato il titolo dell’A1 da La Spezia, arrivò meritatamente nel secondo turno, col 2-0 imposto dal Ribera. «Se la nuova squadra avrà lo stesso carattere di quel gruppo? Io mi auguro di sì” risponde la Piazza, che ha accettato senza tentennamenti il -24 della prima giornata imposta da Venezia. “La nostra partita è durata 20’ contro un avversario di fascia altissima. Contro il Cras mi accontenterei anche di vedere la mia squadra protagonista per 30’. Vuol dire che saremmo cresciuti dopo una settimana in più di lavoro».

Rispetto alla passata stagione, le uniche confermate in casa Livorno sono le esterne Buccianti (punti nelle mani), Mariani e Balestra (ali fastidiose). In prima squadra troverà sovente posto la baby leccese Diene, aggregata come decima. Il ruolo di protagoniste potranno interpetrarlo le new entry. Regia affidata alla belga ex Ribera Carpreaux, non andata a segno contro Venezia. L’altra nuova “piccola” è la guardia Buzzanca prelevata da Pontedera , promossa dall’A2 ma poi rinunciataria come Cavezzo. Stessa categoria onorata a suon di canestri dall’ala pivot Sarti, che in seconda serie portava una media di 10,1 punti e 6,4 rimbalzi a gara. Al suo fianco, nell’area, la cestista di Imperia avrà due compagne “lunghe” americane di tutto rispetto.

Da Umbertide è giunta la 27enne Willis (11 punti ed 8 rimbalzi al debutto stagionale), mentre dalla Wnba, dove ha svolto i playoff con Detroit con una media scarna (1,3 punti a match), è arrivata appena una decina di giorni da la Kelly, debuttante in A1 (4 punti in 25’ contro Venezia). Ma la pedina sulla quale il club fa grande affidamento è la serba Vujovic. La senior assente delle finali-scudetto poi perse col Cras, cerca il riscatto con Livorno, dove può essere la protagonista di una squadra tutta da scoprire. E la sua “fame”, l’ala jugoslava l’ha già mostrata nel mach contro l’ex Umana una settimana fa, segnando 20 punti e facendo registrare un eccellente 87,5% nel tiro dal campo. Numeri pesanti, ma non influenti al fine di un successo precluso da Venezia. «La squadra è ancora un cantiere aperto – chiude la Piazza – ma il primo match in casa e la sfida alle campionesse d’Italia ci stimolano a fare bene».

LE FORMAZIONI - Women Livorno: Carpreaux, Balestra, Vujovic, Sarti, Willis; Buccianti, Buzzanca, Diene, Mariani, Kelly. All. Piazza. Cras Taranto: Greco, Mahoney, Montagnino, Godin, Brunson; Wambe, Siccardi, David, Giauro, Prado. All. Ricchini. Arbitri: Jacopo Colasanti e Riccardo Bianchini di Firenze. Inizio del match alle ore 18, valido per la seconda giornata di andata dell’A1 femminile di basket.

PRIMA DIRETTA SU STUDIO 100 TV - Quella di domani è una giornata “storica” per il Cras a livello mediatico. Per la prima volta un’emittente media partner territoriale, Studio 100 Tv, trasmetterà in diretta (in chiaro, dunque sul terrestre) una partita dell’A1 di basket. Appuntamento dall’immediato pre gara (attorno alle 17,50) del match con le anticipazioni e poi con la cronaca della partita (dalle ore 18), affidata al giornalista Umberto Pavone. Il giorno dopo, lunedì 19, alle 20,45 su Studio 100 Tv (terrestre) andrà in onda il rotocalco settimanale “Terzo tempo”, interamente dedicato al Cras. Martedì 20, alle 15,45, su Studio 100 Tv e Studio 100 Sat (925-Sky), vi sarà la sintesi di Women-Cras, seguita dalla replica di “Terzo tempo”.

Non è tutto perché l’accordo con l’emittente media partner prevede anche la diretta radiofonica del match, attraverso la frequenza 93,70 Mhz di Radio Taranto Stereo. Diretta web, con le sequenze dei canestri, da parte del sito www.blunote.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione