Cerca

Barton e Mora a Bari  però è solo un bluff

Vuoi vedere che si è riaperta la trattativa? Ma in centro, fra Corso Cavour, via Dante e via Sparano. Scelta strategica i due accompagnati da un bodyguard e da una sexy-interprete altri non sono che i protagonisti delle Iene, il programma di Italia 1, tra cui Paolo Calabresi, l’uomo dalle mille facce. Quello che si infilò negli spogliatoi di San Siro nei panni di Nicholas Cage beffando pure Galliani
Barton e Mora a Bari  però è solo un bluff
BARI - Tim Barton e Alessio Mora a Bari. Di nuovo a Bari. E a fare cosa? Vuoi vedere che si è riaperta la trattativa? Ore 15.30 di un tranquillo pomeriggio morso da un caldo ancora estivo. L’avvistamento avviene in centro, fra Corso Cavour, via Dante e via Sparano. Scelta strategica. I due accompagnati da un bodyguard e da una sexy-interprete, si fermano vicino ad un venditore ambulante di maglie e sciarpe biancorosse. E si scatena un mezzo putiferio. Barton viene raggiunto, fotografato con sciarpa al collo, comincia a interlocuire con i tifosi che, ancora, gli chiedono di comprare il Bari. Da un bluff all’altro. Barton non è Barton, e Mora non è Mora. Sono quelli delle «Iene». 

Tim Barton non è altri che Paolo Calabresi, l’uomo dalle mille facce. Quello che si infilò negli spogliatoi di San Siro nei panni di Nicholas Cage beffando pure Galliani; quello che al San Paolo di Napoli si presentò come il cardinale honduregno Oscar Andres Maradiaga, prelato che si batteva contro i trafficanti di droga; quello che anche a Madrid si presentò da Nicholas Cage, rimediando una «camiceta» dei blancos, ma che fu «sgamato» da Totti, Conti e Rosella Sensi. E che all’Olimpico in Lazio-Roma si fece passare per il segretario di Carolina di Monaco che accompagnava il principino, omaggiato da D’Alema e dalla Melandri... 

[f.n.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400