Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 01:41

Ventura ci crede «Daremo fastidio»

Diretta della partita 
Luci a San Siro. E sul Bari. Alle 20,45 si accendono per un posticipo della serie A di calcio che i biancorossi vanno a giocare senza affanni di classifica, ma con il preciso scopo di riscattare la sconfitta contro il Cagliari. Trasferta dalla quale il Bari ha soltanto da guadagnare
• I risultati: Cagliari vince ancora
• La classifica: Atalanta in coda
• I cannonieri: Di Natale si ripete
• Il prossimo turno: Bari-Catania
Ventura ci crede «Daremo fastidio»
di Fabrizio Nitti

MILAN - Luci a San Siro. E sul Bari. Si accendono per un posticipo che i biancorossi vanno a giocare senza affanni di classifica, ma con il preciso scopo di riscattare almeno sotto il piano della prestazione il mercoledì scivoloso contro il Cagliari. Trasferta dalla quale il Bari ha soltanto da guadagnare, soprattutto sotto l’aspetto psicologico. Se poi dovesse arrivare anche il risultato, la domenica milanese sarebbe davvero completa e più ricca. Partita che nasce sbilanciata, l’ago della bilancia naturalmente pende dalla parte dei rossoneri ed è pure inutile spiegare il perché. Ma già a San Siro, turno inaugurale del campionato sulla sponda interista, il Bari e Ventura furono capaci di sparigliare il pronostico e di portare a casa un pareggio con rimpianti.

«È una partita che ci può dare tante altre risposte - racconta Ventura -. Incontriamo una squadra arrabbiata, un Ronaldinho mi dicono ritrovato. Ecco, è una prova importante sul piano della maturità, soprattutto per i più giovani. Sono convinto che il Bari creerà sicuramente problemi al Milan, ma sono altrettanto convinto che avrà grandi problemi da risolvere. Mettiamola così. La capacità di superare i problemi che ci creeranno, diventerà la consapevolezza di poterne costruire noi a loro. Abbiamo le possibilità di farlo. Sono assolutamente certo che avremo più di una palla gol, poi il campo dirà».

tutto ruota attorno agli esterni «Il nostro problema è la partecipazione di tutti alla fase difensiva, degli esterni in particolare, così magari recuperiamo qualche anno di vita a Gazzi e Donati. Dobbiamo chiuderli bene, combattere da subito la loro circolazione di palla. In serie A due punte e due esterni offensivi non sempre è possibile permetterserli. Allora diciamo che chiedo una verifica domani sera (stasera, ndi) sotto questo aspetto. Subiremo il loro gioco, ma i due esterni devono dare la disponibilità ad un discorso di riconquista della palla, altrimenti diventa difficile. Se non proviamo non lo sapremo, bisogna dunque responsabilizzarli».
la riflessione«Ho fatto una riflessione. Partiamo da un presupposto. Il Bari è una neo promossa, l’obiettivo non può non essere la salvezza. Cioè 39 - 40 punti: dieci vittorie dieci pareggi e 18 sconfitte, questi i numeri di una squadra che deve salvarsi. La sconfitta di mercoledì dà fastidio, poteva essere evitata, senza l’errore sarebbe stato pari. Ma nell’insieme del match, non posso non essere positivo. Abbiamo costruito poco, è vero, ma in fase difensiva abbiamo fatto bene. Non dimentichiamo che la nostra è squadra giovane e che quindi ha anche bisogno di aiuto».

Torna Kutuzov, tre uomini in ballo per le due maglie da esterni: Rivas, Alvarez e Langella. Panchina per Almiron. Sarà pronto dopo la sosta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione