Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 15:19

Calcio e tennis si intrecciano nel racconto di Rivera e Valentini

Saranno gli ospiti d'onore stasera (18,30) in un incontro organizzato dal Circolo Tennis Bari nell’ambito di una iniziativa di gemellaggio che vede protagonisti il club presieduto dall’avvocato Sisto e il «mitico» Foro Italico.n Il barese Valentini, dopo una brillantissima esperienza nell’ufficio stampa della Nazionale di calcio, è diventato direttore generale della Federcalcio. Tornano a Bari anche Totò Lopez e Lello Cirillo
Calcio e tennis si intrecciano nel racconto di Rivera e Valentini
BARI - «Dal calcio al tennis, dal tennis al calcio». Ma si può davvero? Se ne parlerà, stasera (18,30), nel corso di un incontro organizzato dal Circolo Tennis Bari nell’ambito di una bellissima iniziativa di gemellaggio che vede protagonisti il club presieduto dall’avvocato Onofrio Sisto e il «mitico» Foro Italico.

Gianni Rivera e Antonello Valentini. Non potevano che essere di grande impatto gli ospiti d’onore di una serata che dà il via a una tre giorni di tennis intitolata a Franco Costantino, dirigente che ha scritto pagine di storia tennistica, pugliese e italiana. Il primo, campionissimo senza maglia. Icona milanista, ma patrimonio di tutti, juventini e interisti, romanisti e fiorentini. Campione a 360°.

Quello di Valentini è, invece, un ritorno a casa. Da Bari, Antonello andò via circa vent’anni fa lasciando il circolo del quale era alfiere insieme agli amici di sempre, Nicola Capocasale, Cesare Muciaccia, Giovanni Franco, Tonino Botta, Luciano Colaluca, Vito Devitofrancesco. Oggi Valentini, dopo una brillantissima esperienza nell’ufficio stampa, è diventato direttore generale della Figc. Il giusto tributo a chi, come lui, ha saputo meritare la fiducia di tutti i presidenti che si sono susseguiti dopo l’era Antonio Matarrese, il primo a puntare su Valentini.

Tornano a Bari, con l’onore della ribalta, anche Totò Lopez e Lello Cirillo. Dal pallone alla racchetta, appunto.
[ant.raim.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione