Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 22:17

Il Foggia di Porta rende di più quando gioca lontano da casa

Cominciano a esserci un po’ troppe analogie fra la squadra di Novelli e quella dell'attuale tecnico del club (Prima Divisione di calcio). A cominciare dai punti: 6 dopo le prime quattro partite. È vero che quest’anno il cammino appare molto più regolare degli sbalzi di una stagione fa (vittorie allo Zaccheria, ko in trasferta). Anzi, se vogliamo dirla tutta è allo Zaccheria che i rossoneri mostrano il loro tallone d’Achille
• Taranto a D’Addario al 100%
• Il Potenza cerca il riscatto
• Chiavaro fermato: farà esami al cuore
• Pescara-Andria senza tifosi ospiti
Il Foggia di Porta rende di più quando gioca lontano da casa
FOGGIA - Cominciano a esserci un po’ troppe analogie fra il Foggia di Novelli e quello di Antonio Porta. A cominciare dai punti: 6 dopo le prime quattro partite. È vero che quest’anno il cammino appare molto più regolare degli sbalzi di una stagione fa (vittorie allo Zaccheria, ko in trasferta). Anzi, se vogliamo dirla tutta è allo Zaccheria che i rossoneri mostrano il loro tallone d’Achille, laddove lo scorso anno furono invece in grado di puntellare quella posizione di medio-alta classifica che poi diede la stura, nel girone di ritorno, per la rincorsa playoff.

Più da esportazione invece il Foggia di Porta, con un pareggio sul difficile campo di Verona (al debutto) e la vittoria nel derby di Andria. Probabile che ciò dipenda da un fattore psicologico: si è parlato lungamente di programmi ridimensionati, logico pensare prima a non prenderle. Resta una costante invece l’asfissia sottorete: appena due gol realizzati (Velardi e Trezzi), gli stessi con Novelli (Troianiello alla prima giornata e Salgado).

Una sterilità manifestatasi in tutta la sua evidenza anche nell’ultima gara interna contro il Lanciano, nonostante le occasioni non siano mancate. A differenza di un anno fa però il bicchiere sembra mezzo pieno. Lascia sperare i tifosi l’imbattibilità di Milan, portiere-saracinesca (appena un gol subito) sebbene la difesa non lo supporti adeguatamente. E la miglior vena di Salgado, che da un paio di partite sta giocando come sa.

Intanto il tecnico oggi pomeriggio a Ordona testa la formazione che potrebbe essere schierata domenica contro il Ravenna. Sparring partner d’eccezione il Real Barletta, formazione che milita in Promozione.

[m.lev.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione