Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 18:38

Caserta vince il memorial «Cezza» Brindisi cede in finale ai campani

Nella decima edizione del torneo di Trani vi erano tre squadre di Legadue e una di serie A1, Caserta appunto, favorita d'obbligo. Ha rispettato il pronostico. Il quintetto di Sacripanti ha infatti battuto l'Enel Basket 75-68 (18-19, 29-31, 50-47) nella finalissima giocata davanti a spalti gremiti ed entusiasti per la straordinaria qualità degli attori del torneo. Eccellenti prestazioni di Radulovic, Maresca, Bryan e Thomas
Caserta vince il memorial «Cezza» Brindisi cede in finale ai campani
di Nico Aurora

Trani - Organizzazione impeccabile e basket di grandissimo livello, per il momento irripetibile per una Trani che attualmente non riesce ad esprimere più di una doppia, onesta C regionale. Invece, alla decima edizione del "Memorial Antonio Cezza", a cura di Us basket, Archisport e Comune di Trani, vi erano addirittura tre squadre di Legadue e persino una di serie A1, Caserta, che era la favorita d'obbligo e ha rispettato il pronostico. Il quintetto di Sacripanti ha battuto Brindisi 75-68 (18-19, 29-31, 50-47) nella finalissima giocata davanti a spalti gremiti ed entusiasti per la straordinaria qualità degli attori del torneo. Onore ai pugliesi, che hanno conteso il trofeo fino al termine alla squadra campana di categoria superiore, grazie alle eccellenti prestazioni di Radulovic, Maresca, Bryan e Thomas.

Decisamente sotto tono, invece, Joseph Crispin, la cui serata negativa ha inciso sul risultato dei suoi. Caserta, invece, ha costruito sull'asse Di Bella-Kavaliauskas il break decisivo, potendo contare sempre sulle prodezze del trio statunitense Ere-Jones-Bowers. Condivisibile la scelta degli organizzatori di assegnare al casertano Salvatore Parrillo (9 punti in due gare) il premio "Mino Ceci" al miglior giovane del torneo. Scafati ha battuto Imola 91-84 nella finale del terzo posto. Su tutti, Phil Goss miglior realizzatore del torneo con 50 punti in due gare e sette triple nella seconda, ma Imola, con Whiting e Robert infortunati ed Ezugwu fuori per distorsione alla caviglia nel finale, ha tenuto fino alla fine mostrando un'ottima batteria di piccoli, Casagrande e Bolzonella in particolare. Bilancio finale della manifestazione semplicemente ottimo. Non è mancato nulla dal punto di vista tecnico ed organizzativo, le squadre hanno gradito, il pubblico di più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione