Cerca

La nuova America di Suxho «Taranto da play scudetto»

Il palleggiatore: «Con la Prisma voglio ritrovare il mio smalto, per spingere questa squadra ai playoff scudetto di A1 maschile di pallavolo». L’Albania che l’ha fatto nascere 33 anni fa e vivere sino ai suoi vent’anni (quando prese il volo per gli Usa in cerca di maggior fortuna) non è distante dalla sua nuova città sportiva. Ora l’assillo dell'atleta è quello di riscoprire in Puglia la buona regia nel campionato italiano
• Castellana e Gioia, già brividi e sogni
La nuova America di Suxho «Taranto da play scudetto»
di ALESSANDRO SALVATORE

TARANTO - Il passaporto americano è custodito nel cassetto, ma per Donald Suxho la «Nuova America» è Taranto. «Con la Prisma voglio ritrovare il mio smalto, per spingere questa squadra ai playoff scudetto». L’Albania che l’ha fatto nascere 33 anni fa e vivere sino ai suoi vent’anni (quando prese il volo per gli Usa in cerca di maggior fortuna) non è distante dalla sua nuova città sportiva.

Il Paese delle Aquile, con Corizia che conserva le radici di un regista voluto dal mister Montagnani per il suo ingegno ed il suo atletismo, è sempre dirimpetto alla Puglia e racchiude il calore familiare di Suxho. «Quando sono partito per gli Stati Uniti pensavo di trovare l’oro della pallavolo. Ed invece la prima impressione fu deludente circa i metodi di questa disciplina. La mia famiglia trapiantata oltre Oceano ha faticato a tenermi stretto, perché mi mancava l’Albania». Una mano dai cari che ha caldeggiato il destino di Suxho, ora titolare della nazionale americana, tornata una delle «potenze» del volley mondiale, «perché negli anni - sottolinea l’alzatore della Prisma - il maestro Doug Beal ha cementato gli Usa. Senza un gruppo vero non guadagni risultati». Inevitabile girare un quesito a Suxho: la ragione della crisi azzurra? «Io ho affrontato quest’estate l’Italia in World League. Oltre la rete ho visto un gruppo sfilacciato. Ma sono sicuro che col tempo... tornerete grandi».

Ora l’assillo di Suxho è quello di riscoprire la buona regia nel campionato italiano dopo la doppia stagione 2005-2007 a Montichiari. «Sono a Taranto perché la squadra può sorprendere». Prima del battesimo ufficiale con Piacenza del 27, la Prisma farà le prove generali dell’A1 con l’ultimo torneo a San Benedetto del Tronto. Cuneo, Montichiari e Verona gli avversari il prossimo weekend.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400