Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 07:59

Brindisi cantiere aperto Crispin e Bryan da inserire

L’Enel Basket comincia a mostrare il volto che poi avrà nel corso del campionato di Legadue maschile, il cui inizio è fissato fra venti giorni. È avvenuto a Trani nel corso del memorial Cezza, al quale la squadra brindisina ha partecipato. Sono partite dove non conta il risultat, oma iniziare a registrare gioco e meccanismi. «Anche se vincere fa sempre piacere», chiosa lo «sceriffo», cioè coach Perdichizzi 
• Cras Taranto, Wambe è già una sicurezza
Brindisi cantiere aperto Crispin e Bryan da inserire
BRINDISI - L’Enel Basket comincia a mostrare il volto che poi avrà nel corso del campionato, il cui inizio è fissato fra venti giorni. È avvenuto a Trani nel corso del memorial Cezza, al quale la squadra brindisina ha partecipato nell’ultimo weekend. Sono partite dove non conta il risultato - «Anche se vincere fa sempre piacere», chiosava lo «sceriffo» dell’Enel Basket, il tecnico Giovanni Perdichizzi - ma iniziare a registrare gioco e meccanismi collettivi.

Il prossimo fine settimana, ancora un altro paio di test: questa volta in Campania, al palaMangano di Scafati, sul cui parquet, oltre all’Harem ed all’Enel ci saranno anche Basket Napoli e Prima Veroli. Vale a dire le quattro squadre del Meridione che s’affrontano per continuare a mettere a frutto la preparazione.

Sicuramente, sarà un bel vedere. E chissà che non ci sia il primo scontro con Veroli, il cui coach, Massimo Cancellieri, ha cambiato poco rispetto al «dieci» dello scorso anno, che aveva già una gran bella identità. Da questo test Perdichizzi attende segnali di crescita rispetto al doppio match di Trani. A Scafati, l’Enel Basket dovrà dimostrare di aver compiuto ulteriori passi vanti per quanto riguarda la preparazione, ma soprattuto per quel gioco d’assieme che Perdichizzi vorrebbe già vedere attuato.

I biancazzurri sono arrivati agli appuntamenti in Terra barese dopo alcune settimane di intenso lavoro con la squadra al completo, per cui la prestazione del gruppo è stata comprensibilmente limitata da questo dato di fatto. La fluidità e la compattezza, peculiarità molto importanti in ogni squadra, si potranno vedere allorquando tutti avranno assorbito i carichi di una preparazione che non guarda all’immediato, ma getta l’occhio ai playoff, com’è nelle aspettative generali.

Il team biancazzurro in questo periodo sta lavorando intensamente con l’obiettivo di arrivare alla prima di campionato (domenica 4 ottobre a Casale Monferrato contro il team allenato da Marco Crespi) nelle migliori condizioni possibili. Il compito di Perdichizzi e dello staff tecnico è ovviamente quello di dare un’identità alla squadra, sfruttando le individualità, ma soprattutto creando la cosiddetta «chimica» e i conseguenti meccanismi in base ai quali l’Enel Basket potrà impostare il gioco durante la prossima stagione.

Si converrà che Brindisi è ancora un cantiere con il cartello «lavori in corso». Che riguardano soprattutto il miglior inserimento di Joe Crispin in cabina di regia, già capace di mettere sul parquet grinta, tecnica e tiro, pur con qualche forzatura. Innescare negli schemi il pivot Silvere Bryan è fondamentale. È per questo che i prossimi test saranno molto interessanti anche per Infante, Cardinali, Pinton. Una parola a parte per Giuliano Maresca: un giocatore del quale non si può fare assolutamente a meno.

[red. bas.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione