Cerca

Porta chiede tempo per valutare il Foggia

Cinque punti in tre gare nella Prima Divisione di calcio, due pareggi ed una vittoria (nel derby con l’Andria in trasferta), un bilancio tutto sommato più che accettabile per l’allenatore foggiano, al debutto nella Prima divisione dopo esperienza in seconda e nei settori giovanili. Porta chiede comunque tempo e pazienza per giudicare i suoi ragazzi: «Inutile dare giudizi subito. Aspettiamo sette partite»
• Taranto e Pagni divorziano
• Potenza, Aquino in dubbio 
• Andria «incerottato» a Rimini
Porta chiede tempo per valutare il Foggia
di Filippo Santigliano

Foggia - Cinque punti in tre gare, due pareggi ed una vittoria (nel derby con l’Andria in trasferta), un bilancio tutto sommato più che accettabile per mister Porta. L’allenatore foggiano, al debutto nella Prima divisione dopo esperienza in seconda e nei settori giovanili, chiede comunque tempo e pazienza per giudicare i suoi ragazzi che non sono certo quelli brutti visti in casa contro il Giulianova e la bella copia ammirata ad Andria. 

«Il calcio è così. Contro il Giulianova la partita si era messa male a causa del calcio di rigore. Abbiamo subito il contraccolpo e rischiato la brutta figura, anche l’Andria dopo il gol sembrava una squadra smarrita. Lunedì abbiamo iniziato bene ed abbiamo fatto sull’entusiasmo diverse giocate interessanti. Tuttavia è inutule dare giudizi subito. In questo momento siamo sulla strada giusta. Sono pochi in rosa, si allenano bene, sanno di dover essere pronti in qualsiasi momento poi la concentrazione e la tensione devono essere sempre alte. Questo è il nostro obiettivo, tenere alta la soglia dell’attenzione per un lungo periodo», spiega mister Porta che, appunto, chiede tempo all’ambiente per consentire al Foggia di crescere e di conoscere anche le altre squadre. 

«Meglio evitare giudizi avventati ed attendere sette partite per dare un giudizi o completo alla squadra, dopo il Giulianova eravamo bocciati, ora siamo promossi. Siamo una squadra giovane ma strutturata fisicamente. Pur avendo fatto una preparazione lanciata abbiamo bisogno di smaltire i carichi. Alcuni calciatori hanno bisogno di entrare in condizione con calma», sottolinea ancora l’allenatore del Foggia.
 
Nel frattempo per oggi è prevista la rifinitura sul campo dello Zaccheria in attesa del Lanciano degli ex Colombaretti e Oshadogan. Fermi ai box Mancino e Goretti per squalifica e Basta e Perdonò per infortunio, l’allenatore del Foggia deve ora verificare le condizioni dell’attaccante Di Roberto che potrebbe anche non essere della partita domani contro il Lanciano. Al suo posto non è escluso un ripescaggio di Mattioli che farebbe così il suo esordio stagionale con il Foggia dopo essere stato ritirato dal mercato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400