Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:38

Liuzzi in pista «Obiettivo punti»

Alla fine, ha vinto Tonio. Vitantonio Liuzzi, 28 anni, di Locorotondo, prenderà il posto di Fisichella alla Force India negli ultimi cinque Gran Premi di Formula Uno di quest’anno, a partire da Monza, domenica. Un importante riconoscimento per il pilota pugliese che ora è il grande favorito per un sedile del team indiano anche per il 2010
Liuzzi in pista «Obiettivo punti»
di Amerigo De Peppo

BARI - Alla fine, ha vinto Tonio. Vitantonio Liuzzi, 28 anni, di Locorotondo, prenderà il posto di Giancarlo Fisichella alla Force India negli ultimi cinque Gran Premi di Formula Uno di quest’anno, a partire da Monza, domenica. 

Un riconoscimento importante, per il pilota pugliese, che ora è il grande favorito per un sedile del team indiano anche per il 2010, ma l’avvicendamento con Fisico è stato tutt’altro che scontato. Negli ultimi giorni, infatti, alla porta di Vijai Mallya, proprietario della Force India, hanno bussato in molti per candidarsi: da Bruno Senna, nipote dell’indimenticato Ayrton, a un indiano con una valigia piena di dollari. 

Alla fine, però, Vijay ha tenuto fede all’impegno preso a inizio anno e ha scelto Liuzzi come naturale sostituto di Fisichella. «Sono felice di poter dare a Liuzzi la possibilità di tornare a gareggiare – ha detto Vijai Mallya – La Force India adesso è molto competitiva e noi abbiamo bisogno di un pilota che possa approfittare di questo momento. È una grande occasione per l’italiano di dimostrare tutto il suo valore».
Al settimo cielo ovviamente Liuzzi. «Sono davvero felice, spercialmente perché la prima gara è a Monza». 

A Spa Fisichella con la Force India ha centrato il secondo posto. Qual è il tuo obiettivo realistico per Monza? 

«Arrivare vicino alla zona punti. Quella di Spa è stata una situazione particolare e non ci dobbiamo sopravvalutare. Monza è un circuito difficile, dove le auto con il Kers faranno la differenza, per cui posso aspirare ad entrare in zona punti, anche se si dovrà vedere quale sarà il mio grado di affiatamento con una monposto che non ho mai guidato nella configurazione del 2009». 

Questi cinque Gran premi potranno diventare un buon viatico per una conferma nel 2010... 

«Decisamente eravamo già vicinissimi alla definizione del contratto per il 2010 ed ero molto fiducioso in un mio ritorno in Formula Uno. Certo, non mi aspettavo tutto questo tran tran che ha accelerato i tempi. Ora sarà indispensabile per me essere capace di meritarmi la riconferma». 

Alla fine, devi ringraziare Massa... 

«Sì, anche se indubbiamente mi dispiace molto che questo giro di sedili sia stato causato dallo sfortunato incidente occorso a Felipe». 

Però, in fin dei conti, è una sorta di «staffetta» tra pugliesi... 

«Sì, è vero e sia io che Felipe cerchiamo di tenere alta la bandiera, anche perché in Formula Uno ci sono solo tre italiani».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione