Cerca

Casarano e Matera una «prima» in salita

Senza vittorie. Per otto delle nove pugliesi e lucane protagoniste del girone H della serie D di calcio (il Grottaglie ha riposato), il campionato è scattato al «rallenti»: pareggio esterno per il Casarano, nulla di fatto interni per Matera, Francavilla e Fasano, sconfitte per Bitonto (in casa), Ostuni e Fc Francavilla. Forse il risultato migliore l’ottiene la neo-promossa Pisticci che all «Giovanni Paolo II» ferma la squadra brindisina
Casarano e Matera una «prima» in salita
di Vito Prigigallo

BARI - Senza vittorie. Per otto delle nove pugliesi e lucane protagoniste del girone H di serie D (il Grottaglie ha riposato), il campionato è scattato al «rallenti»: pareggio esterno per il Casarano, nulla di fatto interni per Matera, Francavilla e Fasano, sconfitte per Bitonto (in casa), Ostuni e Fc Francavilla. Forse il risultato migliore l’ottiene la neo-promossa Pisticci che sull’erba sintetica del «Giovanni Paolo II» ferma la squadra brindisina. «Non mi meraviglia più di tanto - dice Pino Giusto -. Accadde al mio Locorotondo qualche anno fa: basta conservare la struttura dell’Eccellenza, inserire uomini e motivazioni giuste e, sulle ali dell’entusiasmo, si ottengono buoni risultati».

Almeno all’inizio. Fino all’emersione dei valori in campo. «Credo non ci vorrà molto - conferma l’allenatore barese del Matera -: i primi segnali Pomigliano (vittoria a Benevento, ndr) e Neapolis (successo a Bitonto, ndr) li hanno lanciati. Però le difficoltà di Casarano (0-0 a Angri, ndr) e soprattutto di Pianura (netta sconfitta interna con l’Ischia, ndr) dicono che questo sarà un campionato particolarmente difficile».

Il trainer biancazzurro commenta il pirotecnico 3-3 con la Turris al «21 settembre»: «Due considerazioni: quella negativa riguarda gli errori commessi nella fase difensiva; quella positiva a proposito della capacità di stare sempre in partita, di non mollare mai, di segnare tre volte ai campani. Meglio, che una partita così sia capitata subito: offre la possibilità di lavorare per correggere le imperfezioni e migliorarci negli aspetti in cui, ripeto, siamo stati davvero bravi». Che prospettive ha il Matera? «Abbiamo costruito una buona squadra, anche se da integrare nell’organico. Puntiamo al vertice, ma senza ossessioni. Insomma, stiamo lavorando bene». Giusto ha raggiunto i playoff con Monopoli (promozione in C2), Brindisi e Chieti, nelle sue più recenti esperienze in serie D, intervallate dalla stagione dell’esonero a Noicattaro in C2.

A parte il sorprendente Pisticci, che in Coppa Italia ha eliminato Bitonto e Francavilla sul Sinni, apprezza particolarmente il Francavilla di un altro ex Bari, Gigi De Rosa. Intanto perché il club del presidente Mino Distante si rafforza con gli arrivi di Michele Di Tacchio (attaccante classe 84) e Luca Rosciglione (’80, mediano) e poi perché può sfruttare giocate e gol di Sergio De Tommaso.

A proposito di gol, nella giornata d’esordio, a bersaglio l’attaccante del Fasano, Salvatore Capocchiano, 18 anni, ex Primavera del Foggia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400