Cerca

Lepore, esordio amaro «Ma il Lecce si riscatterà»

Il centrocampista: «Avrei preferito non giocare dall’inizio in cambio di una vittoria della squadra». Ma dopo il ko in casa per 3-1 con il Frosinone nella serie B  di calcio, il 24enne leccese recrimina sulla sfortuna e ostenta serenità: «Anche se la partita sarebbe potuta andare diversamente, abbiamo la possibilità di riscattarci subito, venerdì saremo di nuovo in campo a Modena»
• Ammenda di 1500 euro al Lecce
Lepore, esordio amaro «Ma il Lecce si riscatterà»
CALIMERA - L’esordio dal primo minuto non è stato fortunato. «Avrei preferito non giocare dall’inizio in cambio di una vittoria della squadra», dice Checco Lepore.

Ma guarda già avanti: «Abbiamo la possibilità di riscattarci subito, venerdì saremo di nuovo in campo a Modena. Dobbiamo solo lavorare per migliorare. Anche se la partita sarebbe potuta andare diversamente».

Dopo il ko in casa per 3-1 con il Frosinone, il 24enne leccese recrimina sulla sfortuna e ostenta serenità. «Sapevamo di non essere ancora al meglio - precisa - qualche compagno è arrivato solo negli ultimi giorni, sono convinto che tra un mese e mezzo si potrà dare una valutazione più precisa sul Lecce e sulle nostre potenzialità».

Nel primo tempo ha giocato a sinistra condividendo la fascia con Mesbah e da lì sono nati i guai maggiori. «Il mister dopo il nostro gol mi ha chiesto di ripiegare di più proprio per aiutare Mesbah. In settimana ci aveva avvisati di fare attenzione ai loro esterni». Nella ripresa è ripiegato a centrocampo. «A Varese avevo già fatto l’interno. In ogni caso giocherei ovunque l’allenatore mi chiede di farlo».

Non sa ancora se sarà «profeta» in patria («bisogna essere forti mentalmente specie nei periodi difficili»), ma il nipotino gli ha riferito del boato all’annuncio del suo nome nella formazione titolare. «Mi ha fatto molto piacere». Gli dispiace, invece, il silenzio della curva Nord. «Peccato, soprattutto per noi giovani l’incitamento è importante. Per me leccese, poi, ora che sono arrivato in prima squadra, è triste non sentire la curva cantare. Ma so che hanno le loro ragioni: spero che col tempo possano tornare a tifare».

Differenziato per Edinho, Giuliatto e Diarra ieri pomeriggio alla ripresa della preparazione. Assenti Marilungo e Mazzotta, impegnati in Under 21 e in Under 20.

[m.se.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400