Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 15:00

Taranto, telenovela-Correa a fine mese si saprà la verità

Dopo aver battuto, seppur in un’amichevole di agosto, il Benevento, una compagine del girone A che punterà senza mezzi termini al salto diretto in cadetteria, i rossoblù (Prima Divisione di calcio) sono sempre più convinti di aver bisogno del centrocampista della Lazio, a cui si può arrivare battendo la concorrenza (mai altamente competitiva) del Brescia. Ma il regista vuole venire in Puglia
• Andria, acquistato il difensore Pierotti
• Brindisi, ingaggiato Panarelli
Taranto, telenovela-Correa a fine mese si saprà la verità
di FABIO DI TODARO

TARANTO - La vittoria illuminante di Benevento avrebbe allontanato il Taranto da Lucas Correa? Niente affatto, anzi. Dopo aver battuto, seppur in un’amichevole di agosto, una compagine del girone A che punterà senza mezzi termini al salto diretto in cadetteria, i rossoblù sono sempre più convinti di aver bisogno del centrocampista della Lazio, a cui si può arrivare battendo la concorrenza (mai altamente competitiva) del Brescia.

Il calciatore vuole soltanto il Taranto. Lo ha fatto capire alla Lazio, che punta a monetizzare con la sua cessione e ha ribadito fermamente l’ idea a Donato Di Campli, procuratore incaricato dal Taranto di trovare un accordo con il presidente Lotito. Per concludere con il lieto fine un corteggiamento che dura ormai da due mesi, il Taranto ha trovato anche la soluzione al caso-Quadri.

Al centrocampista bresciano, prelevato a luglio dalla Lazio ma ormai fuori dai piani tecnici, i rossoblù hanno prospettato un rientro momentaneo alla base, da cui Quadri si muoverebbe poi con destinazione Perugia. Già domenica sera, alla «Gazzetta», il ds umbro Marcaccio aveva confermato le buone possibilità di conclusione della trattativa. Ieri, sull’ asse Taranto-Perugia, si è registrato un ulteriore passo avanti. Pietro De Giorgio (26) ed il Taranto sono nuovamente ad un passo. Dopo aver sfiorato l’ accordo venti giorni fa, Danilo Pagni è tornato prepotentemente sull’ esterno che Pagliari, per ragioni tecniche, ha da tempo inserito in lista di sbarco.

L’ intesa è già stata raggiunta e permetterebbe ai due club di non ingolfare due organici già abbondanti. Le cessioni restano propedeutiche alle entrate. Ecco perchè il Taranto, avendo le idee chiare sui tasselli da inserire a centrocampo, è a caccia di acquirenti per gli elementi in esubero. Sono in sette, oltre a Quadri.

Ed è paradossale che, a detta del club, la situazione che riguarda Fabio Prosperi sarebbe la più vicina alla conclusione. Il ds Pagni ha parlato del difensore con Beppe Giannini, tecnico del Gallipoli alla ricerca di rinforzi. L’interesse dei salentini c’è, ma la delicata situazione che il difensore vive a Taranto sta rallentando l’operazione.

A Nicola Barasso, invece, non è andata bene nemmeno la prospettiva di mantenere la categoria a Cosenza. Una risposta eccessivamente ritardata ha indotto i calabresi a cambiare obiettivo: ingaggiato Andrea Pinzan.

Al Sorrento, in attesa di perfezionare alcune cessioni, interessano Daniele Sciaudone e Willy Da Silva. Rigettata la prima offerta di scambio, se ne riparlerà nelle ultime ore di trattative.

In Prima Divisione, invece, non ci sono acquirenti per Davide Giorgino e Fernando Spinelli. Al centrocampista argentino, oltre a Gela e Catanzaro, si era timidamente avvicinato l’Andria.

In chiusura di mercato il Taranto penserà all’attacco. Un solo obbiettivo: Vito Falconieri (23). Si discute con l’Ascoli, comproprietario del cartellino. L’operazione è prossima alla conclusione. Arriverà in prestito o comproprietà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione