Cerca

Gallipoli, la nuova era comincia da Giannini

Chiusa l’era-Barba, nel club ionico è iniziata l'avventura D’Odorico. Impellente trovare giocatori per il prossimo campionato di serie B di calcio. Le trattative in corso con alcuni atleti sarebbero in dirittura d’arrivo. Piacciono Fiore, Amoruso e De Zerbi. Il tecnico spiega perchè ha deciso di restare. «Con l’ambiente jonico, nella scorsa stagione, è nato un feeling fortissimo»
• Il nuovo proprietario: «In A entro 3 anni»
Gallipoli, la nuova era comincia da Giannini
di Antonio Calò

GALLIPOLI - Chiusa l’era-Barba, nel Gallipoli-calcio è iniziata l’era-D’Odorico. A guidare la squadra in serie B sarà il «Principe» Giuseppe Giannini, l’allenatore che ha portato il team giallorosso tra i cadetti, che sarà coadiuvato dal suo «secondo» Roberto Corti, dal preparatore atletico Roberto Masiello e dal preparatore dei portieri Fabrizio Carafa (aggiuntosi di recente allo staff dell’ex centrocampista della Roma e della Nazionale).

Tra oggi e domani, inoltre, il direttore generale Vittorio Fioretti dovrebbe concludere l’ingaggio dei primi giocatori. Sono in arrivo il portiere Jan Koprivec (sloveno, classe 1988, dall’Udinese), i centrocampisti Manuel Mancini (classe 1978, ex Taranto, in panchina con il Siena nella passata stagione, in A) ed Alessandro Moro (classe 1984, ex Foggia, dove ha avuto Giannini quale trainer, reduce dall’annata in B vissuta con la maglia del Treviso), il difensore uruguayano Christian Sosa (classe 1991, 21 presenze ed un gol nella stagione passata, nella quale è stato in forza al Taranto).

Le trattative in corso con questi atleti sarebbero in dirittura d’arrivo e potrebbero concludersi positivamente in giornata, permettendo a Giannini di allargare il gruppo degli uomini a propria disposizione nel ritiro di Sarnano (località nei pressi di Macerata), che scatterà oggi.

Dal Friuli, terra d’origine del neo patron Daniele D’Odorico, giunge la voce di un interessamento del Gallipoli per l’esperto Stefano Fiore (classe 1975), centrocampista con tanti anni di milizia in serie A ed in Nazionale, che si allena da qualche tempo con il Lecce, e l’attaccante del Foggia Domenico Germinale (classe 1987). Un altro senatore che sarebbe finito nel mirino dei nuovi proprietari del sodalizio jonico sarebbe il centravanti Nicola Amoruso (classe 1974), che nel 2008/2009 ha difeso i colori del Torino in A, firmando 4 reti in 20 match disputati. Fioretti, inoltre, sarebbe tentato di seguire la pista che porta a Roberto De Zerbi (classe 1979, ex Napoli e Catania, 15 presenze e 5 gol con l’Avellino nello scorso torneo di serie B).

Giannini, spiega il perchè della propria decisione di restare a Gallipoli. «Con l’ambiente jonico, nella scorsa stagione, è nato un feeling fortissimo - dice il tecnico capitolino - L’affetto che mi lega alla «piazza» giallorossa è stato un elemento importante nell’indirizzare la mia scelta. Inoltre, ho approfondito con i nuovi proprietari del club i loro programmi, che mi hanno convinto in pieno».

«Iniziando a lavorare a pochi giorni dal via del campionato - conclude Giannini - so di avere assunto un impegno difficile, ma le sfide mi piacciono. Tenuto conto dei presupposti di partenza, raggiungere la salvezza con il Gallipoli significherebbe centrare un grande traguardo, un obiettivo nel quale credo e sul quale sono già concentrato. Per ora posso contare solo sugli attaccanti Francesco Di Gennaro, Ciro Ginestra e David Munard, ma sono certo che arriveranno presto altri giocatori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400