Cerca

«Leukalè», ecco l’ordine di arrivo della gara di nuoto in acque libere

Sono stati almeno in duemila l'altro ieri sul lungomare di Leuca (Lecce) ad incoraggiare gli atleti che da Punta Meliso alla Ristola per 2,5 chilometri si sono contesa la prestigiosa competizione. Non solo polmoni d'acciaio ma anche e, soprattuto, grande forza fisica. La manifestazione, organizzata dalla Lega navale, ha visto la partecipazione di 32 contendenti. Il premio più vistoso a Calò nella categoria M 45
«Leukalè», ecco l’ordine di arrivo della gara di nuoto in acque libere
di Oronzo Russo

LEUCA - Sono stati almeno in duemila l'altro ieri sul lungomare di Leuca ad incoraggiare i nuotatori che da Punta Meliso alla Ristola per 2,5 chilometri si sono contesa la prestigiosa “Leukalè”, competizione di nuoto master in acque libere, che presuppone non solo polmoni d'acciao ma anche e, soprattuto, grande forza fisica. E' stata organizzata dalla Lega navale di Leuca nella cui sede è avvenuta la premiazione.

Alla partenza erano in 32, tutti atleti con un vistoso carnet di vittorie nel mondo del nuoto. Il premio più vistoso con il tempo di 31.01 è stato segnato da Antonio Calò nella categoria M 45. Al secondo posto è arrivato Rodolfo Papuli con 32.39 ed al terzo Piergianni Gravili con 36.18. Per gli M 60 il vincitore è stato Enrico Sangiovanni. Marco Andriani, Paolo Mangia ed Emilio Martano sono i vincitori rispettivamente dei M 35. Per gli M 30 Giuseppe Zezza, Tiziano Mele e Maurizio De Francesco. Nella categoria M 25 si è imposto Alberto Corvaglia. Per gli U 25 Simone Rizzo e a seguire Vincenzo Masciullo e Giovambattista Gravili.

Un particolare curioso: alla partenza, inatteso, si è tuffato nuotando con gli altri senza iscrizione, Oscar Paludetto, che ha fatto registrare il secondo miglior tempo su tutti alle spalle di Antonio Calò con 31.21.

Per le donne nella M 25 la solita Barbara Colelli ha stracciato tutti col tempo di 32.58. Negli M30 Iole Fonsimorti ed Emma Rizzelli. Per la categoria M 40 la tricasina Pinuccia Picciurro con 38.55 e quindi Sonia Galati e Vincenza Pulimeno.

Il presidente Mario Fortunato raggiante per la riuscita della manifestazione. La gara è stata organizzata dal direttivo che, consapevole degli scopi della Lega Navale Italiana, ha ritenuto di dare un forte impulso alla divulgazione degli sport nautici e quindi all'amore per il mare.

«Oggi più che mai c'è' bisogno che i giovani si accostino alle attività sportive e marinare per allontanare gli spettri di malsane tentazioni che molte preoccupazioni danno alle famiglie. Erano alcuni decenni che Leuca non viveva questo genere di gare - ha detto l'organizzatore consigliere della Lega Piergianni Gravili - il tutto si è svolto in una splendida giornata di sole in assenza di vento con la partecipazione di una trentina di atleti tra campioni regionali e nazionali che già praticano il nuoto master».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400