Cerca

L’Andria come da copione archivia la pratica Barletta

Nel primo turno di Coppa Italia Lega Pro a segno Doumbia e Goisis. Davanti a 4.000 spettatori, gli azzurri si aggiudicano con il più classico dei risultati (2-0) la sfida, ma anche il sentito derby della sesta provincia. Con una rete per tempo, l'Andria fa valere la categoria superiore: controlla la gara e corre solo un pericolo ad inizio ripresa. Partenza al piccolo trotto per le due contendenti
• Pari tra Brindisi e Monopoli
• Melfi, esordio col flop
• Il Noicattaro si fa corsaro
L’Andria come da copione archivia la pratica Barletta
Andria-Barletta 2-0 

Andria:Mennella 6, Ceppitelli 6, Di Simone 6,5 (26'st Nicolao SV), Iennaco 6, Goisis 6,5, Braca 6, Rizzi 6, Ottobre 6,5 (14'st Bellavista 6), Mastrolilli 5,5, D'Allocco 6, Doumbia 6,5 (20'st Infantino 6). All. Biagioni. A disp: Pazzagli, Milella, Sportillo, Losito.
Barletta:Di Masi 6, Cutrupi 6, Legittimo 5,5, Menicozzo 6 (35’ st Moring SV), Marchetti 5,5, Romeo 5,5, Simoncelli 6, Benjemia 5,5 (16’ st Pollidori 6), Shiba 5,5 (38’ st Caggianelli sv), Manganaro 5,5, Cavaliere 6. All. Sciannimanico. A disp: Sansonna, Moring, Lanotte, Pallotta, Stefanini, Caggianelli.
ARBITRO:Di Bello di Brindisi.
RETI:24’ pt Doumbia, 21’ st Goisis.
note: ammoniti Ottobre e Di Simone. Angoli 8-1. Tifoserie gemellate, spettatori 4.000 circa di cui 1.000 barlettani. Recupero 3’ pt e 3’ st.

di Aldo Losito

ANDRIA - Buona la prima per l’Andria, squadra da rinforzare per il Barletta. Davanti a 4.000 spettatori, gli azzurri si aggiudicano con il più classico dei risultati (2-0) la sfida di Coppa Italia ma anche il sentito derby della sesta provincia. Con una rete per tempo, l'Andria fa valere la categoria superiore: controlla la gara e corre solo un pericolo ad inizio ripresa.

Partenza al piccolo trotto per le due contendenti. Il Barletta corre di più, ma l’Andria fa valere la maggiore caratura tecnica. Per il primo tiro in porta bisogna aspettare il 9’ con Ottobre che schiaccia troppo di testa, con palla che tocca terra e va oltre la traversa. I biancorossi puntano sulla manovra, ma sono i padroni di casa a pungere in contropiede: (al 11’) Doumbia lancia Rizzi, il cui tiro è deviato in angolo. Sulla battuta del corner, lo stesso Rizzi sfiora il gol con un tiro-cross carico di effetto che Di masi smanaccia. La partita è controllata dall’Andria che al 24’ lascia il segno con Doumbia: l’ivoriano gira di testa un invitante assist calciato da destra da Iennaco. Si sblocca il risultato, ma i ritmi del match restano sempre blandi. Al 37’ un diagonale terra-aria di Di Dimone colpisce in pieno il palo, dopo una corta respinta della difesa. Sul finale del primo tempo, gli azzurri mancano il raddoppio con una verticalizzazione di Rizzi per Mastrolilli, che tira di prima intenzione ma la sfera è deviata in angolo da un difensore.

La ripresa si apre con due occasioni (una per parte). Dopo 35 secondi Doumbia manca il raddoppio di testa da posizione ravvicinata. La replica dei biancorossi porta la firma di Menicozzo che prima calcia dalla distanza e poi, di testa, colpisce il palo su cross di Shiba. Il tempo di riorganizzarsi e l’Andria riprende a macinare gioco. Al 16’ l’assist di D'Alloco per Rizzi è preciso al centro dell’area biancorossa, ma il barlettano di nascita alza la traiettoria. I padroni di casa insistono e siglano il meritato raddoppio sempre di testa, ma questa volta il gol porta la firma di Goisis, su angolo battuto dal solito Rizzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400