Cerca

Lepore: «Un sogno giocare nel Lecce»

Il ventiquattrenne leccese doc non è stato finora profeta in patria. Dopo l’esperienza nelle categorie giovanili, la sua è stata una strada lontana dal club d'origine (serie B di calcio). Ora, però, ci sarà il grande ritorno. Appuntamento a domenica sera, in Coppa Italia contro la formazione del Vico Equense: «Non vedo l’ora». Quasi fatta per l’acquisto dell’esterno difensivo del Palermo Mazzotta
• Il tabellone della Coppa Italia
Lepore: «Un sogno giocare nel Lecce»
di Massimo Barbano

LECCE - È conto alla rovescia per la prima uscita davanti al pubblico del nuovo Lecce. Ma lo è soprattutto per il nuovo acquisto Franco Lepore, 24 anni, leccese doc che in Salento non è stato finora profeta in patria. Dopo, infatti, l’esperienza nelle categorie giovanili la sua fu una strada lontana dalla sua città di origine.

Ora, però, ci sarà il grande ritorno nella società che lo ha voluto e sta investendo su di lui. E domenica sera, in Coppa Italia contro la formazione del Vico Equense, ci sarà il grande ritorno. «Non vedo l’ora di entrare nello stadio dove ho sempre sognato di giocare da bambino - dice Franco Lepore - uno stadio dove facevo il raccapalle ed ora, se il mister deciderà di schierarmi, avrò questa grande soddisfazione».

Quello di Lepore nella preparazione precampionato è stato un buon biglietto da visita. Un bel gol su punizione e alcuni numeri, come l’assista per Defendi, che hanno fatto intravedere una buona visione di gioco. «Sono abbastanza soddisfatto di come sono andate le cose nel ritiro - prosegue il giovane centrocampista offensivo del Lecce - ma non bisogna illudersi troppo. Il clima delle amichevoli è quello che è, il campionato sarà tutta un’altra cosa. Però sono contento di aver lasciato già una prima impronta positiva».

Oltre alle note positive, Lepore ha evidenziato anche una certa duttilità tattica che gli ha consentito di essere provato in più ruoli. «Il mister mi ha provato anche come prima punta quando mancavano gli attaccanti - prosegue - posso anche giocare come trequartista, in diversi ruoli d’attacco. Faccio il massimo in allenamento per potermi fare notare dal mister e convincerlo a farmi giocare».

MAZZOTTA IN ARRIVO - Mancano ormai solo pochi dettagli per il trasferimento nel Lecce del giovane esterno difensivo del Palermo Mazzotta. Si parla di prestito con diritto di riscatto per la comproprietà. A buon punto anche la tratattiva per l’attaccante Arma della Spal.

Torna alla carica intanto il Parma per Angelo. Declinata dal Lecce l’offerta del difensore Alessandro Lucarelli, il club emiliano ha messo sul piatto, oltre a Lunardini, già offerto in precedenza, anche il centrocampista Budel, che ha già indossato la maglia del Lecce negli anni scorsi. L’orietamento del Lecce, è tuttavia, quello di non cedere il brasiliano.

È diventato ufficiale, invece, il trasferimento dell’attaccante Cozzolino al Como con la formula della comproprietà. Niente da fare per gli altri giocatori della rosa in partenza. La Fiorentina non dà segnali per Edinho, mentre Benussi e Rosati restano ancora entrambi nel Lecce.

È probabile che la situazione si risolverà soltanto nell’ultima settimana di mercato, quando i tempi stringono e tutti i club si affrettano a completare gli organici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400