Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 12:09

Una doppietta di Germinale cancella le paure del Foggia

In Coppa Italia di calcio, staccato alla grande il biglietto per la sfida di domenica prossima a Trieste, valida per il secondo turno. Test poco attendibile quello contro la Viterbese, sconfitta 3-1, considerate le due categorie di differenza (Prima Divisione e serie D), ma indicativo sul tipo di lavoro che sta svolgendo mister Porta. Partita sbloccata da un'autorete di Lustrissimi
• Taranto eliminato dal Cosenza
• Il prossimo turno dellaCoppa Italia
• Potenza, quattrocento abbonamenti
• Andria, l’obiettivo è la salvezza
Una doppietta di Germinale cancella le paure del Foggia
FOGGIA-VITERBESE 3-1 

Foggia:Milan; Sgambato, Cuomo, Burzigotti (13' st Torta), D'Agostino; Velardi, D'Amico; Di Roberto, Trezzi, Salgado (26' st Mancino); Germinale (26' st Compierchio). A disp. Liccardi, Posillipo, Colomba, Perdonò. All. Porta. 

Viterbese:Savietto; D'Eletto, Gattari, Ingiosi, Menna; Marigliano (6' st Ferretti), Sbaccanti, Lustrissimi (45' st Burelli); Smith (8' st Di Quinzo), Martinetti, Foderaro. A disp. Rau, Maccio. All. Favo. 

ARBITRO: Zeoli di Napoli. 

RETi: 16’ (aut.) Lustrissimi, 40’ e 26’ st Germinale, 32’ st Ferretti (rig.). 

note:spettatori paganti 846 per un incasso di 5.906 euro. Ammoniti Ingiosi, Burzigotti, D’Agostino, Torta.

di Massimo Levantaci 

FOGGIA - Ci pensa Germinale a spegnere le paure del debutto in coppa. Una doppietta per acciuffare un po’ di ottimismo e trovare, domenica 9 agosto, la Triestina al «Nereo Rocco». Una sfida dal profumo di B quel che serve oggi ai rossoneri per fare il pieno di fiducia.

Test poco attendibile considerate le due categorie di differenza, ma indicativo sul tipo di lavoro che sta svolgendo mister Porta. La Viterbese (serie D) ha onorato l’impegno colpendo due traverse (sull’1-0 e nella ripresa sul 2-0) con Smith e Martinetti. Ma il Foggia non è dispiaciuto. Gioco ragionato e tanta praticità per una formazione reduce da quindici giorni di ritiro e appena tre amichevoli. Già in forma campionato Germinale, Trezzi, Di Roberto, benino la difesa (si cerca comunque un altro centrale da affiancare a Burzigotti, Cuomo e Torta).

Salgado si mette in vetrina nei primi 15’, ha due palle-gol ma le sciupa grossolanamente. Nella prima (lancio di D’Amico) si procura un calcio di rigore che però fallisce dal dischetto. Al 15’ è Trezzi a pescarlo, il cileno indovina il corridoio giusto, ma si fa ipnotizzare dal diciannovenne portiere laziale in uscita e il tiro finisce oltre la traversa.

La Viterbese va in confusione, Lustrissimi al 16’ insacca di testa da corner nella sua porta regalando il vantaggio al Foggia. Poi perfeziona Germinale: al 40’ il bomber (10 reti l’anno scorso) arpiona con il destro un assist di D’Agostino e infila nell’angolo più lontano. Di potenza il secondo gol segnato nella ripresa al 26’ su imbeccata dalla destra di Di Roberto per la battuta al volo. Di Ferretti il gol della bandiera al 32’ su calcio di rigore per un veniale fallo di mani di Cuomo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione